Le Cinque Pillole di Bellezza di Mario Cucinella Architects premiate a Vicenza

L’oasi verde del Campionissimo che sapeva volare
09/09/2019
Il Centro Direzionale Unipol Group vince il premio Active House Label Award 2019
Il Centro Direzionale Unipol Group vince il premio Active House Label Award 2019
24/09/2019

Le Cinque Pillole di Bellezza di Mario Cucinella Architects premiate a Vicenza

Comunicato Stampa

Il Workshop Ricostruzione Emilia vince il Premio Internazionale Dedalo Minosse alla Committenza d’Architettura

Bologna, 21 settembre 2019 –  Si è conclusa l’undicesima edizione del Premio Internazionale Dedalo alla Committenza d’Architettura, la cerimonia di premiazione si è svolta in uno dei luoghi simbolo della storia dell’architettura italiana, il Teatro Olimpico di Vicenza, progettato da Andrea Palladio.

5 i Premi principali conferiti: il Premio Internazionale Dedalo Minosse, il Premio Internazionale Dedalo Minosse – Occam U.40, il Premio ALA Assoarchitetti – Fondazione Inarcassa, Premio ALA Assoarchitetti U.40. – Premio Internazionale Andrea Palladio.

L’architetto Marco Dell’Agli, Project Director di Mario Cucinella Architects e responsabile dei progetti del Workshop Ricostruzione, insieme al dott. Mario Agnoli e al dott. Mauro Redolfini in rappresentanza del Trust Nuova Polis Onlus, hanno ritirato il Premio ALA Assoarchitetti – Fondazione Inarcassa, ad un Committente, che abbia incaricato un Architetto italiano libero professionista. La motivazione del premio ricevuto per le “cinque pillole di bellezza” realizzate grazie agli oltre 7 milioni di euro raccolti dal Trust (Confindustria, Confservizi, CGIL, CISL e UIL), a favore delle popolazioni, dei lavoratori e dei sistemi produttivi colpiti dai drammatici eventi del terremoto che nel 2012 colpì l’Emilia Romagna, è stata la seguente: al Trust Nuova Polis Onlus, committente del Workshop Ricostruzione in Emilia Romagna, per le straordinarie “pillole di bellezza” come contribuito di vita e futuro per Comunità provate dalla sciagura.

Cinque sono gli edifici nati dalla collaborazione tra MC A, il Trust, le ammirazioni comunali frutto di un grande lavoro collettivo e degli sforzi stessi delle popolazioni emiliane: il centro per lo sport e la cultura a Bondeno (Ferrara), la casa della musica a Pieve di Cento (Bologna), la scuola di danza a Reggiolo (Reggio Emilia), il centro ricreativo a Quistello (Mantova) e il centro socio-sanitario a San Felice sul Panaro (Modena).

«La sinergia collaborativa nata tra la committenza e lo studio MC A, ma non solo, anche tra i giovani professionisti del Workshop Ricostruzione, le popolazioni colpite dal terremoto e le amministrazioni comunali, hanno permesso di dare vita a queste opere uniche. Mi piace pensare che il nostro committente non sia stato solo il Trust ma le migliaia di lavoratori e imprese che con la loro generosità hanno dato vita al Trust e le centinaia di cittadini che utilizzerà le nostre opere. – commenta l’architetto Marco Dell’Agli – Le cinque pillole di bellezza, così come le ha definite l’architetto Cucinella, hanno combinato le specificità del paesaggio e dei luoghi con innovazione e riconoscibilità, grazie anche all’interazione diretta con le comunità a cui erano destinate ed alle competenze tecnologie costruttive espresse dalle aziende del territorio che sono state coinvolte».

Oltre 300 le iscrizioni pervenute all’XI edizione, da oltre 40 paesi di tutto il mondo. Un panorama davvero vario, dalla grande alla piccola scala, nel quale la Giuria ha ricercato le motivazioni che hanno portato alla realizzazione dei progetti candidati, analizzando in particolare gli aspetti di sostenibilità sociale, condivisione pubblica, l’applicazione del Design for All, la valorizzazione e conservazione del paesaggio e del patrimonio architettonico, l’uso di tecnologie e materiali innovativi e riciclabili finalizzati alla conservazione dell’ambiente costruito e naturale, la valorizzazione delle tradizioni e dei linguaggi locali, all’approccio progettuale multidisciplinare e all’integrazione tra arte, architettura e design.

Dedalo Minosse è un Premio unico al mondo. Aperto ai committenti pubblici e privati di tutto il mondo, la manifestazione seleziona e propone architetture realizzate negli ultimi 5 anni, che rappresentano il segno visibile della ricerca internazionale, dove risalta il contributo del committente nella creazione di bellezza diffusa, attraverso la realizzazione dell’architettura contemporanea.

Condividi