Nuove sfide per il futuro dell’architettura e delle aree interne

Pubblicato
06 Nov 2018

Lettura
2 min


“Il futuro delle aree interne del paese, composte da migliaia di centri caratterizzati da un calo demografico marcato e continuo, non può essere un tema periferico nel dibattito pubblico. In queste aree distanti dai principali centri di servizi essenziali (istruzione, salute e mobilità) vive circa un quarto della popolazione italiana. E’ quell’Italia in cui i beni pubblici spesso sono malridotti, gli ospedali sono lontani, le scuole si svuotano, le persone che non vogliono scappare praticano un pendolarismo che ricorda quasi una forma di emigrazione  e i giovani preparano la valigia e cercano un altrove dove costruirsi una vita. Chi vive in queste zone avrà sempre più difficoltà concrete a rimanervi in futuro. A meno che non vengano portate avanti strategie efficaci, fatte di politica e cultura.”

Questo quadro, dipinto in un articolo pubblicato su Today nell’aprile 2017, è il punto d’inizio da cui è cominciato il viaggio attraverso la nostra penisola compiuto da Mario Cucinella e dal suo staff. Arcipelago Italia è  partito infatti dai territori, attraverso un grande lavoro di ricerca applicata, ed è arrivato alla Biennale Architettura 2018, proponendo nuove sfide e metodologie per il futuro dell’architettura. L’obiettivo è tornare ai territori e continuare ad alimentare una ricerca che porti a un nuovo ruolo di responsabilità all’architettura e un diverso futuro per gli spazi urbani.

Il viaggio che sta ora per concludersi, la Biennale infatti chiuderà i battenti dell’edizione 2018 il 25 novembre, è durato più di un anno comprendendo tutta la fase di ricerca e collettivo. Durante questa avventura si è cercato di porre sotto i riflettori, di una stampa, di amministrazioni e di politici non sempre attenti, un’Italia resiliente. Sia dal punto di vista della cittadinanza che dell’architettura partecipata.

Molte persone, durante i sei medi di mostra, si sono alternate all’interno del Padiglione Italia per proporre confronti e soluzioni, per attirare l’attenzione su quello che si deve e può essere fatto per fare rivivere o, vivere meglio, queste aree patrimonio storico e colonna vertebrale del Paese.

Il 21 novembre 2018, all’interno del Padiglione Italia, Arsenale di Venezia, si parlerà di Futuro, di idee, di progetti e soluzioni durante l’evento conclusivo del Padiglione Italia “Quale futuro per Arcipelago Italia? Una giornata per tirare le fila e gettare le basi per il futuro”, in occasione del quale l’attenzione verterà sul ruolo centrale che i territori interni ricopriranno per lo sviluppo del paese, indagando ed approfondendo i temi emersi durante il “viaggio” attraverso la penisola. Un ulteriore passo verso la definizione di una visione, politica e architettonica, comune che possa guidarne lo sviluppo nei prossimi anni.

 

Per informazioni sull’evento di Chiusura del Padiglione Italia  contatta lo Staff Arcipelago Italia 

 

Notizie correlate

Tutte le nostre novità

Copyright 2022 MCA.