La Nuova Università prende forma tra cristalli, alluminio e “onde glaciali”

Pubblicato
11 Jun 2018

Lettura
1 min


C’è un buco ovale che si perde nel grigio del cemento, tra scale e ombre. Laggiù nel primo piano sotterraneo c’è un grande spazio quadrato che pare una scena d’un film su un futuro da costruire: pareti in pannelli di colore tenue con disegni geometrici, incrociate di linee verticali lunghe con orizzontali più corte e al centro strambe macchie circolari in fila. E sulla parete di fondo due porte irraggiungibili, a oltre 3 metri di altezza. Poi i cavi, almeno 20 che scendono dal soffitto. Installazione artistica? Roba da Biennale dell’architettura di Venezia. Già, l’architetto che ha progettato quell’Aula Magna è Mario Cucinella, che alla Biennale c’è davvero, come responsabile dell’«Arcipelago Italia». È lui il progettista di questa Aula Magna cuore della nuova Università della Valle d’Aosta.

[…]

Nell’ex piazza della caserma, che diventerà luogo d’incontro per tutta la città, sono arrivati i materiali della facciata Ovest dell’edificio didattico. «Il sistema costruttivo di questa parte costituisce – dice Bruno Milanesio, che guida la società regionale coordinatrice – dell’intero progetto l’elemento più importante dell’intero complesso». Cucinella ha voluto simulare onde glaciali. La simmetria di questo prospetto è da indovinare in balconate che coprono l’intera facciata, diversi a ogni piano. Sinuosi, a onda, appunto.

[…]

Milanesio commenta: «Ci sono edifici muti, altri parlano, questo canta. Così deve essere percepito dalla città. Un’opera moderna fatta per la città. Questa è l’idea. Deve essere amata, non soltanto per l’utilità di grande importanza, gli studi universitari, ma per la sua architettura».

 

Clicca qui per scaricare l’articolo completo pubblicato su 

Notizie correlate

Tutte le nostre novità

Copyright 2022 MCA.