Ospedale di Cremona, svelato il progetto di Cucinella

Pubblicato
01 Dec 2023

Lettura
4 min


Svelato il progetto che prevede una struttura di sette piani, circolare, con interconnessioni tra reparti e percorsi di cura, bosco e aree verdi per eventi e attività e uno specchio d’acqua.Quello esecutivo sarà pronto entro fine 2024

Visual by MCA Visual

Circolare e interconnesso, innovativo e sostenibile. Confermata la graduatoria della Asst di Cremona, che aveva visto prevalere il progetto dello studio MCA (in team con Artelia Italia, Milan Ingegeria e Land Italia) vincitore sui gruppi guidati da Park associati, Foster + Partners, Baumschlager Eberle Architekten e lo studio Oma. In team con Cucinella. Svelato, dunque, il progetto che sarà reso, nella sua versione esecutiva, entro il 2024

Visual by MCA Visual

Il progetto del Nuovo Ospedale e del Parco della Salute

L’area di progetto, a cavallo tra l’espansione urbana e il Parco del Po e del Morbasco, si integra con il contesto socioculturale, diventando centro sanitario che non ospita solo servizi di diagnosi e cura, ma anche spazi di interazione sociale, per lo svago, per accrescere il valore del benessere e della cura della persona. La struttura segue un andamento semicircolare che garantisce la permeabilità sia fisica sia visuale tra i due elementi. La copertura verde che emerge dal sistema del parco crea spazi coperti in relazione con il paesaggio circostante, che possono essere colonizzati nel tempo al fine di rendere l’Ospedale un luogo attivo per l’incontro e l’interazione sociale. Le funzioni di asilo ed aree legate all’educazione, attualmente presenti nel complesso, sono integrate da una biblioteca e residenze temporanee a supporto di pazienti e famiglie, al fine di promuovere nuove relazioni con la comunità.

L’ospedale

L’edificio ospedaliero rarà una “città nella città” dove molteplici funzioni e relazioni trovano spazio in un’unica infrastruttura complessa. L’edificio, sviluppato su sette livelli fuori terra, è suddiviso in due corpi principali che si connettono a livello 00, in corrispondenza con il principale accesso sanitario: un cuore centrale, caratterizzato dalla piastra tecnologica che accoglie il blocco operatorio diviso in quattro settori (emergenza, cardiovascolare, multifunzionale, chirurgia minore), e una struttura in elevazione caratterizzata dalla presenza di servizi sanitari a media/bassa tecnologia. Estrema attenzione è posta a quegli elementi che agevolano il benessere i percorsi terapeutici, quali l’illuminazione naturale, il rapporto con la natura, i livelli di rumore negli ambienti e la qualità dell’aria.Il paziente troverà in ospedale ambienti differenti a seconda dei percorsi e dell’intensità di cura che dovrà seguire, ma si rompe l’isolamento dei vari reparti, non più “celle” distinte ma gruppi di professionalità diverse (medici ed infermieri) che operano sullo stesso paziente.

Nel progetto si facilita il riassetto degli ambiti di degenza per rispondere al mutare delle necessità sanitarie (il 20% delle camere di degenza può essere trasformata in area di terapia intensiva con interposizione di un filtro, e l’80% può essere trasformato in camera a due letti, al fine di poter far fronte ad esigenze improvvise di posti-letto).

L’architettura del Nuovo Ospedale di Cremona definisce anche un gradiente di accessibilità degli spazi: da ambienti raccolti nei quali privacy e benessere del paziente diventano centrali, a quelli più permeabili e aperti ai cittadini che ospitano servizi commerciali per l’utenza e i visitatori e connettono l’ospedale alla scala urbana. Lo sono, ad esempio, l’Hospital Street, area di accoglienza per il pubblico ma anche spazio di interazione per il personale sanitario, e il Centro di gestione, che al primo piano accoglie gli spazi dedicati al governo delle attività cliniche dislocate sul territorio. L’area strategica dell’Ospedale è dove sono allocati i servizi assistenziali, che rappresentano il ponte tra l’Ospedale stesso e il territorio che lo circonda:

Nel Pronto Soccorso, che rispecchia lo schema dell’“Ospedale nell’ospedale” ed è in grado di funzionare autonomamente dal resto della struttura senza che ci sia interferenza vicendevole, si abbattono i tempi di esecuzione delle prestazioni mediche. È prevista anche una sezione autonoma per la gestione del paziente infetto con collegamento diretto e dedicato con aree di degenza precettabili in caso di emergenza sanitaria.
La presenza di vegetazione, di acqua e la scelta dei materiali di pavimentazione contribuiscono a mitigare l’isola di calore urbana raggiungendo una diminuzione della temperatura media percepita di circa 4° rispetto alla situazione attuale. In più, oltre alla scelta di materiai e di soluzioni costruttive specifiche, si ricorre a strategie passive – come orientamento ottimale, permeabilità ai venti e illuminazione naturale – con l’obiettivo di minimizzare l’impatto sull’ambiente, riducendo le emissioni.

Il verde

L’ospedale sarà immerso nel verde e avrà un bosco climatico, un sistema naturale che lo abbraccia, caratterizzato da percorsi verdi che legano una sequenza di attività terapeutiche per i residenti e gli utenti dell’ospedale, alternate a zone di biodiversità animale e vegetale. Qui è possibile beneficiare di una terapia psico-fisica del tutto naturale, grazie ad attività quali la meditazione e la contemplazione, spazi di lettura singola e collettiva all’aperto. L’anello vitale è, invece, un percorso caratterizzato da spazi per le attività ludico-sportive e per l’interazione sociale, in dialogo con gli elementi architettonici pubblici e del complesso ospedaliero. Infine, un anello rurale, un ampio sistema naturale a prato caratterizzato da uno specchio d’acqua centrale come punto cardine dell’intero parco, capace di ospitare anche eventi e attività.

Leggi l’articolo:

Notizie correlate

Tutte le nostre novità

Copyright 2024 MCA.