Savoir-faire artigianale e tecnologie produttive d’avanguardia: Building Objects

Pubblicato
07 Jun 2019

Lettura
2 min


Di Antonella Boisi

Mario Cucinella ispirato dai suoi progetti di architettura disegna una collezione di oggetti che mixano cultura, savoir-faire artigianale e tecnologie produttive d’avanguardia.

“Mi piaceva l’idea di trasformare il nostro lavoro creativo sugli edifici, macro-oggetti che sono luoghi di vita e relazione, in micro-oggetti che stabiliscono altri tipi di rapporti quotidiani con I fruitori, altri punti di vista, riconoscibili come parti di un tutto”, ha spiegato l’architetto Mario Cucinella che si è presentato all’appuntamento della Milano Design Week con una sorprendente collezione di Building Objects.

Sedici pezzi unici, tra vasi, centri-tavola, piatti decorati, posate battute a mano, liberi da commesse e condizionamenti, ispirati da elementi formali o strutturali di celebri architetture da lui progettate nel mondo.

Nell’essenza, un omologo a scala differente. “Tutto è iniziato come un esercizio divertissement, poi, come sempre, da cosa è nata cosa: un nuovo logo Mario Cucinella Design, uno specific team all’interno dello studio MC A a Bologna, una serie di connessioni”, continua. “Abbiamo ripreso temi e riferimenti dalla cultura etrusca su cui stiamo lavorando (Cucinella sta realizzando il Museo Etrusco a Milano per la Fondazione Luigi Rovati, ndr). Ma anche l’esperienza della Biennale di Architettura veneziana (Cucinella è stato curatore del Padiglione Italia nell’edizione 2018, ndr), è diventata foriera di sviluppi. Quando siamo andati alla scoperta di luoghi un po’ dimenticati nel nostro Paese, è stato molto interessante l’incontro con le persone che ci vivono e lavorano. Ha significato ritrovare quel tessuto di cultura profonda del design e dei materiali che è una risorsa meravigliosa per pensare in chiave innovativa nel solco della tradizione”.

La sfida di costruire questa collezione privata è stata infatti condivisa con i più qualificati artigiani italiani specializzati nell’arte del vetro, del marmo, del massello, della ceramica e della terracotta, dell’ottone, dell’acciaio e del tessuto. “Una grande impresa è stata quella”, ricorda, “di realizzare il ‘vaso di spine’ con i maestri della Vetreria artistica Archimede Seguso che mi dicevano che non si poteva fare, inizialmente. O, ancora, utilizzare la pasta di argilla nera stampata in 3D e finita in olio di lino per dar forma al sinuoso vaso ispirato dalla figura della Balena nella nursey school di Guastalla. In un certo senso ho ricondotto l’attenzione ambientale e dei materiali propri delle mie architetture all’idea di preservare e valorizzare un patrimonio di conoscenze secolari, sperimentando, al tempo stesso, tecniche di produzione all’avanguardia”.

Prossimi step? “Per ora i Building Objects restano on demand, stiamo definendone un catalogo digitale di vendita on-line. Mi piacerebbe ampliare la linea di tappeti con Mariantonia Urru e la collezione piatti ma anche testare prodotti nuovi che si riconducono ai paradigmi dell’economia circolare, davvero stimolanti per contenuti etici ed estetici. Questa collezione è molto riferita all’ambito domestico. In realtà, stiamo anche lavorando su arredi per uffici, librerie, divani, cassettiere”.

Articolo pubblicato sul numero di Giugno di

Notizie correlate

Tutte le nostre novità

Copyright 2022 MCA.