What Am I Reading: Mario Cucinella

Pubblicato
03 Nov 2022

Lettura
10 min


STIR looks into the reading habits of leading creatives – Italian architect Mario Cucinella reveals his favourite bits from his recent read, Memoirs of Hadrian by Marguerite Yourcenar.

Nome del libro che stai leggendo.

Mario Cucinella :  Ho quasi finito con le  Memorie di Adriano (Memorie di Adriano)

Chi è l’autore? 

Mario:  Questo è un romanzo della scrittrice francese di origine belga Marguerite Yourcenar, sulla vita e la morte dell’imperatore romano Adriano. Ci sono voluti 30 anni per finire di scrivere questo  libro !

Qual è il genere? 

Mario:  Storia, romanzo storico e narrativa filosofica.

Giudichi un libro dalla copertina?

Mario:  A volte, ma non sempre. Ogni tanto raccolgo libri con copertine accattivanti, ma di solito seguo le mie liste di cose da leggere, i titoli consigliati dalle persone o quelli menzionati nei film o nelle interviste, così come le recensioni online e di zine. Alcuni sono anche materiale di lettura alleato per la ricerca sui miei progetti. Pochi libri hanno anche menzioni di altri libri, quindi cerco di mantenere quella catena di tanto in tanto.

Mario Cucinella, fondatore di Mario Cucinella Architects in posa con la sua recente lettura

Cosa ti ha spinto a prenderlo? Puoi evidenziare qualsiasi aspetto degno di nota dell’estetica del design, della tipografia, delle immagini del libro…

Mario:  Solo il fatto che l’autore abbia impiegato 30 anni per scrivere questo libro. Così incredibile, il suo lavoro d’amore scritto per il mondo da vedere. Per scrivere questa storia sull’imperatore romano, Yourcenar studiò indirettamente documento dopo documento, trascrizioni e tutte le informazioni disponibili che poteva accumulare sul suo soggetto, per scriverlo in prima persona, come i ricordi e il viaggio della vita di Adriano, come suggerisce il titolo. Man mano che il libro procede, il lettore si sente quasi come se si trovasse nelle regioni e nelle ambientazioni romane descritte nel libro, dalla Mesopotamia  all’Iran  e al Nord  Africa .

La tua parte preferita? 

Mario:  Sembra tutto molto personale, piuttosto che essere solo una traiettoria storica. Il protagonista era un uomo che deteneva così tanto potere, per noi quasi impercettibile in quest’epoca, e che durante il suo regno esercitò intelletto e crescita culturale. Sono rimasto molto colpito dal modo in cui l’autore ha dipinto la vita di un imperatore romano nei minimi dettagli, le attività quotidiane mondane, per dare una visione molto personale e dettagliata della sua vita, quasi come una biografia ben scritta.

Copertina di Memorie di Adriano (Memorie di Adriano)  dell’autrice Marguerite Yourcenar

Molto di ciò che il protagonista sta provando è sentimentale e attribuisce a una natura umana contemporanea – ci sentiamo come ci sentivamo secoli fa – sentimenti di potere, passione, insicurezza, guerra, leadership, relazioni personali, stanchezza, amore, tristezza, tutto. Tuttavia, il nostro mondo è progredito con la tecnologia e i sistemi politici, ciò che siamo e come ci sentiamo sono rimasti stranamente correlati.

Ci sono anche sezioni del libro dedicate  all’architettura di quell’epoca , che è stato affascinante da imparare. Sembrava di rivedere un progetto delle città e delle infrastrutture di oggi, attraverso gli approcci che l’Impero Romano aveva adottato molti anni fa. In che modo la costruzione di regioni attraverso infrastrutture pubbliche e prodezze di ingegneria equivaleva a promuovere e sviluppare società. Non era solo una dimostrazione di autorità e dominio, o politica, era anche visionaria. Non sono un imperialista, ma è stato affascinante apprendere le loro metodologie e pratiche, che hanno portato al commercio e al trasferimento di culture, e come si sono evolute nelle società moderne. Ad un certo punto, l’impero romano divenne così vasto, con paesi e culture diverse, lingue e religioni esistenti come minoranze sotto un’unica regola.

Alcuni dei brani preferiti ed evidenziati di Cucinella dalle  Memorie di Adriano

Un’altra parte interessante è che questo imperatore non ha quasi mai vissuto la sua vita a Roma! Trascorse la sua vita in  Spagna , poi visse in  Germania  per tre anni, prima di andare in  Egitto , poi in Persia e così via. E a quei tempi, gli umani migravano costantemente, trovavano nuove terre o si mescolavano con le culture esistenti. È solo ora che abbiamo creato un costrutto per stabilirci in un posto.

Hai avuto qualche intuizione o ti ha aiutato a rilassarti? 

Mario:  Non credo che questo libro abbia lo scopo di rilassarti. È piuttosto intenso. Ma ha fornito spunti. Ad esempio, questa citazione che atterra a casa a causa della mia vocazione quotidiana:  “Costruire è collaborare con la terra”.  Pensa a quanto vale ancora oggi! Questa persona lo disse circa due secoli dopo Cristo, e quanto è ancora pertinente Abbiamo bisogno di costruire strutture e spazi in collaborazione con la nostra Terra Parliamo tanto di  sostenibilità  nel circuito globale dell’architettura e del  design  oggi, di costruire con la natura, rispettarla, preservarla.

Un altro input interessante ma controverso che condivide è quello di giustificare le guerre, di come le risorse e il denaro raccolti dai saccheggi siano andati a costruire le città che hanno costruito, con sistemi idrici progettati, ponti e altre strutture che hanno promosso la civiltà. Come costruire infrastrutture costruisce le persone. Questi sentimenti umani naturali e le connessioni con il passato sono stati davvero affascinanti da portare alla luce attraverso questo libro.

Mario Cucinella nella foto contro la sua libreria

Era più di un imperatore, poiché il libro è anche un’ode all’architetto Adriano, il costruttore, che trasse ispirazione per gli edifici dai suoi viaggi lontani a Babilonia, in Egitto e oltre, creando lui stesso progetti e concentrandosi sull’uso di materiali vernacolari, come farebbe un architetto contemporaneo. Ha costruito la meravigliosa Villa Adriana, ora  patrimonio  mondiale dell’UNESCO a Tivoli, in  Italia , fuori  Roma . Il suo ritiro di pensionamento è progettato in modo così bello, concentrando il tessuto costruito attorno all’acqua, alla musica, alle  sculture , all’arte e alla sua stessa vita, che è diventata anche materiale da costruzione in un certo senso. Leggi questa citazione ad esempio:  “La sera l’arte di costruire ha lasciato il posto a quella della musica, che è anche architettura, sebbene invisibile”. Questa villa è considerata uno dei più sorprendenti esempi architettonici di quel tempo, e credo che lo sia ancora. Il libro ritrae la sua visione per la casa e con quanta sensibilità l’ha costruita in armonia con il contesto naturale, è stato un piacere leggerlo.

Le tue battute preferite da citare dal libro. 

Mario:  “Costruire è collaborare con la terra, imprimere un’impronta umana su un paesaggio, modificandolo così per sempre… Ricostruire è collaborare con il tempo passato, penetrandone o modificandone lo spirito, e portandolo verso un futuro più lungo… Le mie città sono nate dagli incontri… Ogni pietra da costruzione era la strana concrezione di una volontà, di un ricordo, a volte di una sfida. Ogni struttura era la carta di un sogno… Ho voluto vivere il più possibile in mezzo a questa musica di forme”.

Our great mistake is to try to exact from each person virtues which he does not possess, and to neglect the cultivation of those which he has.” ―Marguerite Yourcenar, Memoirs of Hadrian

“The founding of libraries was like constructing more public granaries, amassing reserves against a spiritual winter which by certain signs, in spite of myself, I see ahead…”

At what time of the day do you read? 

Mario: I am usually exhausted after a day’s work, so I am unable to focus on reading in the evening. So I read for an hour or two in the morning, or over weekends, I am able to absorb and register the book much better this way. Work doesn’t let me do that on most weekdays, unfortunately. That’s why I am a slow reader. I also get a lot of reading done while I am travelling.

Le  Memorie di Adriano  segue la vita e la morte dell’imperatore romano Adriano

Libri rigidi, e-book o audio/video libri?

Mario: Preferisco i tascabili alle copertine rigide perché sono più facili da sfogliare, più adatti ai viaggi e non si sentono troppo come un oggetto. Detto questo, prenderò anche un libro da leggere, invece di ascoltarlo o guardarne l’adattamento in video: l’intera esperienza di leggere un libro, per me, è sacra, di portare in vita imperi, relazioni e storie nella mia mente, invece di essere alimentati da un cucchiaio di emozioni e immagini attraverso il mezzo di audio o video. È meraviglioso come tu ed io potremmo leggere lo stesso libro ma immaginarne i personaggi e le ambientazioni a modo nostro, che cessa di esistere quando guardiamo lo stesso film, in qualche modo. Potremmo reagire in modo diverso, ma il materiale di partenza è interpretato nello stesso formato per noi. Leggere libri è un ottimo esercizio per la nostra immaginazione e alcuni diventano anche un rifugio in un certo senso.

Sono più analogico che digitale. Mi piace tornare alle pagine dei segnalibri invece di toccare uno schermo. Stiamo declassando la nostra abilità immaginativa con queste clip di un minuto sui  social media  da cui siamo bombardati. La nostra capacità di attenzione si è visibilmente ridotta e ci siamo allenati a consumare queste brevi scariche di dopamina che a lungo termine sono malsane. Finiamo per perdere tempo invece di fare le cose con intenzione

Cucinella condivide i libri che ha intenzione di leggere dopo, posizionati sul suo tavolino da caffè

Tuttavia, sto iniziando a scaldarmi con gli audiolibri: sono fantastici da ascoltare mentre guido o in volo, principalmente mentre viaggio. Sembra uno sforzo minore. Mi piace il formato dei racconti così come l’idea di qualcuno che mi legge poesie. È una forma d’arte delicata   , la poesia, e mi piace ascoltarli in formato podcast, invece di leggerli con carta e inchiostro.

Un libro o un adattamento di un libro come film a cui vorresti sempre tornare, e perché?

Mario:  Sono sempre stato un po’ deluso dagli adattamenti cinematografici o televisivi dei libri, come ho detto prima —adattare la parola scritta alle storie è personale— scriveresti una sceneggiatura diversa per un libro basata sulla tua immaginazione, mentre qualcun altro ha evocato un’estetica e un’ambientazione completamente diversi. Quindi è difficile. Spesso, gli sceneggiatori cercano anche di semplificare e distillare molti dettagli intricati per adattarli a una narrativa comune su un film, che toglie la complessità dei personaggi e delle situazioni. Non dico che non sia mai stato fatto alla perfezione, ma è difficile e resta soggettivo.

Notizie correlate

Tutte le nostre novità

Copyright 2022 MCA.