… ognuno con i ricordi di quello che è stato e i sogni di quello che sarà: GRAZIE

Santa-Maria-Goretti-i-lavori-continuano
Santa Maria Goretti: i lavori continuano
10/12/2018
La-riqualificazione-paesaggistica-della-discarica-che-diventa-una-Fabbrica-del-futuro
La riqualificazione paesaggistica della discarica che diventa una Fabbrica del futuro
14/12/2018

… ognuno con i ricordi di quello che è stato e i sogni di quello che sarà: GRAZIE

... ognuno-coi-i-propri-ricordi-di-quello-che-è-stato,-e-sogni-su-quello-che-sarà-GRAZIE

…È stato un viaggio ricco di emozioni che ci ha permesso di attraversare il Paese alla scoperta e riscoperta di territori unici, a volte dimenticati. Tutto questo è iniziato da un’idea, o da una provocazione, guidata dall’architetto Mario Cucinella e dal suo giovane staff, ma a renderlo possibile è stata la collaborazione con persone vere, entusiaste e consapevoli, professionisti del settore, consulenti, fotografi, videomaker e università. Con Arcipelago Italia abbiamo attraversato la dorsale italiana partendo dall’arco alpino e giungendo sino al mediterraneo, esplorando più di cento tappe e proponendo alcune importanti riflessioni su grandi temi di attualità, come ad esempio, le periferie, il post terremoto, le aree dismesse, gli scali ferroviari, la mobilità… Si sono spente le luci all’arsenale di Venezia ma non si spegneranno i riflettori sulle aree interne. Arcipelago Italia proseguirà nel suo cammino, di certo non sempre facile, ma stavolta con una marcia in più. Adesso è giunto il momento di fare una riflessione e di ringraziare tutti coloro che si sono spesi e impegnati a favore di questa ardua impresa.

Collaborazione e partecipazione sono state le parole chiave di questo Padiglione Italia 2018. Arcipelago Italia circa un anno fa ha lanciato una sfida non facile, progettare nuove realtà. Sei sono stati gli studi di architettura coinvolti, scelti in parte perché legati ai territori, e in parte individuati per il loro talento e la loro capacità. In modo sinergico, sono riusciti a costruire un forte legame tra i diversi saperi, con l’obiettivo comune di trovare soluzioni concrete ai problemi. Ciò non sarebbe stato possibile senza il contributo da parte delle Università locali e dei loro rappresentanti, che si sono impegnati nel supportare gli architetti nelle varie fasi dei lavori, cercando sempre nuove occasioni di confronto con studenti e istituzioni.
Ripercorrendo passo dopo passo quello che è stato un magnifico percorso, sono tanti i ricordi che riaffiorano alla mente. In pochi avrebbero potuto immaginare quanto forte potesse essere l’interesse e la partecipazione della gente verso quella che è diventata una vera e propria causa da sostenere e portare avanti. Mario Cucinella parte da Venezia e attraversa alpi, appennino, isole, e lungo il suo viaggio incontra le persone che abitano questi luoghi, tutti con la propria storia da raccontare, ognuno con i ricordi di quello che è stato e i sogni di quello che sarà. C’è chi racconta che, in quel campo dove da ragazzino andava con il padre a far pascolare il gregge, adesso c’è una fabbrica abbandonata. Altri ricordano invece le grandi feste di paese che si svolgevano le sere d’estate, con canti e balli, durante la processione in onore del santo patrono. Adesso, lì, sono rimasti in pochi. Sono aree nelle quali il progresso sembra essersi arrestato. Poi però ci sono anche tante belle storie, come quella di Dorgali, dove una semplice pensilina dove attendere l’autobus si trasforma in una meravigliosa cornice che racchiude il paesaggio. Una struttura che perde quindi quasi del tutto la sua funzione e si trasforma in un’opera d’arte e luogo d’incontro, nel quale la gente si ferma a chiacchierare davanti ad uno sfondo mozzafiato.
Mario Cucinella ha detto: «C’è un mondo che vive ancora di queste grandi storie, di grandi relazioni, di rapporti con le famiglie del passato, che si raccontano le storie nei bar e che difendono l’identità dei loro luoghi anche attraverso azioni collettive» Ed è a voi e a tutti coloro che ci hanno creduto e che ancora credono in un futuro per le aree interne, che vogliamo dire grazie. Grazie perché non importa se sia una “cabinedda”, un centro ricreativo o un semplice murales, ciò che conta è la voglia di fare, di mettersi in gioco e di elaborare strategie per rilanciare questi territori.

Per questo GRAZIE a Tutti Voi!

Federica Galloni (Direttore Generale MIBAC, Commissario Padiglione Italia) Esmeralda Valente (Coordinamento generale Referente per l’architettura contemporanea e le periferie urbane) Mario Abis, Antonella Agnoli, Lorenzo Bellicini, Aldo Bonomi, Maurizio Carta, Luca De Biase, Roberta Franceschinelli, Alex Giordano, Andreas Kipar, Ezio Micelli, Antonio Navarra, Manuel Orazi, Federico Parolotto, Francesca Arcuri, Fabio Renzi, Paolo Testa, Edoardo Zanchini (Advisor del curatore) Nice SpA, Gruppo Ospedaliero San Donato, Iris Ceramica Group, FederlegnoArredo (Sponsor) Riva 1920, iGuzzini, URBO, Specchio Piuma S.r.l. (Sponsor tecnici) SOS – School of Sustainability (Knowledge Partner).
Antonella Agnoli, Massimo Alvisi, Michele Bondanelli, Matteo Marsilio, Matteo Pedaso, Roberta Filippini, Enzo Rizzato, Marianella Sclavi, Agnese Bertello, Stefania Lattuille.
Diverserighestudio, MoDus Architects, BDR Bureau, Gravalos Di Monte arquitectos, AM3 con Vincenzo Messina, Solinas Serra Architetti.
Università di Bologna, prof. Ernesto Antonini, prof. Andrea Boeri, Università degli Studi di Camerino, Rettore Claudio Pettinari, Direttore Giuseppe Losco, prof.ssa Maria Federica Ottone, Università degli Studi della Basilicata, prof.ssa Chiara Rizzi, Università degli Studi di Palermo, prof. Maurizio Carta, Barbara Lino, Federica Scaffidi, Università degli Studi di Cagliari, prof. Giorgio Peghin, Stefano Asili, Carlo Pisano, Valeria Saiu. Sardarch, Emmanuele Curti, Giuseppe Zummo,  Domus Gaia.
Studio Officina82, mag.MA architetture, deamicisarchitetti, CN10 architetti, Piuarch, Stefania Saracino e Franco Tagliabue Architetti, Collettivo OP, modostudio Cibinel Laurenti Martocchia Architetti Associati, Mirko Franzoso architetto, Werner Tscholl Architekt, CeZ Calderan Zanovello Architetti, Roland Baldi architects, Markus Scherer Architetto, DEMOGO, Dolomiti Contemporanee, Studio Paolo Bürgi, GTRF Giovanni Tortelli Roberto Frassoni Architetti Associati, LAND Srl, MADE associati, AAA office, Reggio Children Srl, MICROSCAPE architecture urban design AA, Carlo Ratti Associati, Laboratorio Permanente, Renzo Piano Building Workshop architects, Ciclostile Architettura, Spazi Consonanti, Alvisi Kirimoto + Partners, MiR_architettura, Tierstudio, Studio Idea+, Studio Andrea Dragoni, Thomas Herzog Architekten, Enzo Eusebi and Partners, Lorenaalessioassociati, Burnazzi Feltrin Architetti, Elisa Burnazzi Architetto, Cannata & Partners, +tstudio, Verderosa Architetti, Andreco, De Gayardon, Piccinini, Felice Cavuoto Architetto, Netti Architetti, morana+rao architetti, Giuseppe Guerrieri Studio, Lillo Giglia architetto, Architrend Architecture, Fabbricanove, Fattoria dell’Arte, Cusenza Salvo Studio, COR arquitectos, Studio Associates, Massimo Crotti, Antonio De Rossi, Marie-Pierre Forsans, Daniele Regis, Valeria Cottino, Dario Castellino, Giovanni Barberis, David Marchiori, Marco Ferreri, Nazzareno Petrini, Amanzio Farris, Remo Cimini, Andrea Jasci Cimini, Mimmo Paladino, Nicola Fiorillo, Raimondo Guidacci, Fabrizio Bellomo, Paolo Portoghesi, Pietro Carlo Pellegrini, Marco Casamonti, Maurizio Cucurullo, Antonio Nicosia, Enzo Fontana, Giovanni Bartolozzi, Pier Francesco Cherchi, Marco Lecis, Enrico Potenza, Davide Fancello, Pietro Carlo.
Francesco Paolucci, Andrew Kranis, Hu-Be, Zup Design, Urban Reports, Arredart Studio Srl, Quodlibet, DomusParis Renderinternoesternospaziozero atelier, SOMEONE Srl, Studio Nicama, Rai Cinema.
Irene Giglio, Valentina Porceddu, Valentina Torrente, Laura Zevi, Giuliana Maggio, Giovanni Sanna, Cecilia Perotti, Yuri Costantini, Andrea Genovesi, Ambra Cicognani, Antonino Cucinella, Alessandra Filippelli, Roberto Righetti, Anna Ciotti, Roberto Corbia, Alessia Ravaldi.

 

Lo Staff di Arcipelago italia

Condividi