Scuola Gabelli, il 4 novembre apre il cantiere per il recupero

Campos Venuti «La sua lezione ci dice di ripercorrere ancora la via avanguardista».
Campos Venuti «La sua lezione ci dice di ripercorrere ancora la via avanguardista».
01/10/2019
Le piazze della sostenibilità. Il valore di Arcipelago Italia.
Le piazze della sostenibilità. Il valore di Arcipelago Italia.
24/10/2019

Scuola Gabelli, il 4 novembre apre il cantiere per il recupero

Scuola Gabelli, il 4 novembre apre il cantiere per il recupero

Dopo 12 anni, è iniziato il recupero della scuola Gabelli di Belluno. Progetto di Mario Cucinella Architects.

Nell’ottobre 2007 il primo crollo. Nel maggio 2009 il secondo, che portò alla chiusura della scuola, dichiarata inagibile. Ora, dopo 12 anni, è iniziato il recupero. Stiamo parlando della scuola Gabelli di Belluno. […] Il cantiere aprirà il 4 novembre, in contemporanea con quello di Palazzo Crepadona, sempre nell’ambito del piano di rigenerazione urbana. L’edificio delle Gabelli, una volta restaurato e integrato con nuove funzioni, andrà a ospitare non solo la scuola primaria, ma anche quella dell’infanzia e il polo “Primi passi”.

«Nella nuova Gabelli verranno trasferiti i bimbi del Cairoli», ha precisato il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro, «e per quanto riguarda i “primi passi”, che rappresentano una sorta di asilo nido, vedremo che necessità emergono dalle strutture di Levego e Cavarzano». […] I lavori alla Gabelli hanno una durata prevista di 540 giorni. Se tutto andrà come da cronoprogramma, la scuola potrebbe riaprire a settembre 2021. «Quella di oggi è davvero una giornata storica», ha sottolineato ancora Massaro. «Questo intervento è stato voluto fortemente da questa amministrazione, ma anche da tutti i cittadini bellunesi e in particolar modo dall’Associazione Cittadini per il recupero della Gabelli, che ha sempre tenuto alta l’attenzione. Dopo 12 anni, inizia il recupero dell’edificio; una scuola simbolo per i bellunesi e che, dopo questi lavori, vedrà rinverditi e attualizzati i metodi educativi e pedagogici di Pierina Boranga. Oggi partono i lavori “fisici” alla struttura, ma già nei giorni scorsi abbiamo dato il via alla rigenerazione “immateriale” di questa scuola, con l’ingresso di Belluno nella rete internazionale Rice delle città educative che, in collaborazione con università italiane e straniere, porterà nuove competenze e conoscenze nell’ambito dell’educazione e della pedagogia».

[…] Il cantiere che aprirà tra pochi giorni vedrà l’esecuzione di lavori che ammontano a quasi 5 milioni e 300 mila euro. Importo coperto prevalentemente da risorse comunali, alle quali si aggiungono i fondi del Bando periferie per la rigenerazione urbana. A illustrare i lavori in progetto sono stati i responsabili dell’Atheste Costruzioni, con in testa il titolare Orlando Finco, e gli architetti dello Studio Cucinella, presenti alla cerimonia di consegna lavori con alcuni rappresentanti dell’amministrazione comunale: verranno mantenuti i pavimenti di pregio, con mosaici e inserti in ottone; verrà migliorato l’impianto di riscaldamento, con l’installazione di un impianto a pavimento in tutte le 25 classi; verranno sostituiti gli infissi, seguendo le indicazioni della Soprintendenza.

«Verrà conservato lo spirito originario che ispirò Pierina Boranga», ha evidenziato l’architetto Laura Mancini. «L’intervento di ristrutturazione edilizia e di riqualificazione architettonica diviene occasione per dare nuovamente alla scuola Gabelli il lustro di un tempo. Un intervento delicato, di chirurgia estetica che vuole recuperare i fondamenti del metodo Pizzigoni, valorizzarli ed enfatizzarli. Al contempo si prevede l’integrazione di nuove funzioni, una revisione delle configurazioni spaziali partendo dall’analisi del modo in cui l’edificio è vissuto nell’arco della giornata, il tutto senza trascurare gli aspetti relativi al benessere e il comfort interno».

Per fare qualche esempio, saranno mantenute le grandi vetrate tanto volute dalla Boranga, ma adottando soluzioni che rendano i serramenti funzionali e sicuri. Saranno mantenuti anche laboratori e mensa, mentre la piscina verrà trasformata, conservando la sua architettura originaria, in una sorta di aula teatrale. «Gli archivi presenti all’interno della scuola sono stati spostati per il tempo dei lavori», ha aggiunto Massaro, «e si provvederà a restaurare gli spazi della Gabelli affinché questa documentazione vi ritrovi spazio, con la funzione di conservare la storia. Ci saranno delle aree dedicate al “culto” della Gabelli».

L’obiettivo è anche quello di rimette a nuovo il giardino. «Dopo la tempesta Vaia si è proceduto al taglio di due alberi pericolanti», ha detto Massaro, «e in questo momento non vi è la necessità di procedere con ulteriori potature, a meno che non ci siano oggettivi problemi di sicurezza». […]

Condividi
error: Content is protected !!