Appuntamento alla trentesima edizione del Mipim di Cannes
Appuntamento alla trentesima edizione del Mipim di Cannes
08/03/2019
Fridays for Future 15 marzo sciopero per l'ambiente #ClimateStrike
Fridays for Future 15 marzo sciopero per l’ambiente #ClimateStrike
14/03/2019

Sostenibilità: Voi siete il futuro! Mario Cucinella alla Cornell Univercity

Di Ami Kurosaki

Alla Biennale di Venezia, ricordo di aver letto una citazione che diceva: “Il futuro è il prodotto delle azioni presenti”. Questa breve ma ispirante frase è stata esposta a luci a LED ai margini del Padiglione Italia, curato da Mario Cucinella. Pochi giorni fa abbiamo avuto il piacere di avere il fondatore di Mario Cucinella Architects come docente ospite e molti dei suoi progetti hanno affrontato il tema dell’architettura come una “azione presente” che può avere un grande impatto sul futuro.
[…]
L’architetto Cucinella ha iniziato la sua lezione con una citazione di Hemingway: “Ai più importanti bivi della vita, non c’è segnaletica”. Per lui, questa frase rappresenta la vita quotidiana del processo decisionale di un architetto che deve sempre tenere a mente la sostenibilità. L’architetto sostiene che gli studenti di oggi saranno fondamentali per il  #climatechange nei prossimi 25 anni, motivo per cui l’istruzione in questo momento è così importante.

L’architetto Cucinella ha anche fondato SOS – School of Sustainability, dove insegnano a studenti appena laureati a sviluppare in modo sostenibile le abilità del design. Mi chiedo se usa il DIVA di Timur Dogan? L’idea di questo corso sulla sostenibilità mi incuriosisce molto, perché come studente che ha seguito il corso ambientale di Timur e nonostante il mio interesse per l’argomento è stato respinto dal software che non riuscivo a padroneggiare, sarebbe davvero utile avere qualche mese per concentrarsi sull’apprendimento.

Alcune diapositive sono state dedicate alla ricerca di Edward Mazria sul design sostenibile, ricordandomi di nuovo delle lezioni di Timur. Entro il 2030, il mondo ha bisogno di costruire un altro 50% degli attuali edifici esistenti per accogliere la crescita della popolazione. 50%! Questo è il motivo per cui la sostenibilità è così importante.
Ma “l’architettura è più complessa dei numeri”, ha affermato Cucinella. Spesso gli architetti tendono a lasciare la parte “scientifica” del design agli ingegneri, lasciando che facciano tutte le analisi della luce naturale ecc… Ma quando il lavoro viene consegnato agli ingegneri, è troppo tardi. L’impatto ambientale dell’edificio deve essere considerato immediatamente nel processo di progettazione, motivo per cui, per Cucinella, è molto importante che gli architetti imparino a utilizzare i software e apprendere cose semplici come l’angolo solare e applicarlo al design degli edifici.
L’architetto ci ha mostrato il processo dell’analisi ambientale realizzata per il progetto di un parcheggio di un Hotel milanese: diagrammi di percorsi solari, maschere d’ombra, analisi della luce solare, analisi del vento, analisi dell’irradiazione … Erano tutte cose che abbiamo imparato nella classe di Timur! Potremmo eseguire queste analisi da soli.

L’architetto Cucinella ha detto che Revit e Grasshopper hanno segnato una nuova era del design, un’era che avrebbe permesso agli architetti di eseguire queste simulazioni da soli e assumersi maggiori responsabilità su come i nostri edifici influiscono sull’ambiente, non solo oggi ma anche domani. Da quando sono venuto alla Cornell, ho notato una grande disparità tra professori e professori che insegnano la sostenibilità o la tecnologia di costruzione (principalmente Timur e Jonathan Ochshorn), e sempre scoraggiato dal fatto che ciò che apprendiamo in una classe elettiva non viene mai applicato ai progetti di studio. I professori più anziani e tradizionali scoraggiano l’uso della modellazione 3D, sottolineando di lavorare con le nostre mani. Lo studio Mario Cucinella Architects è forse il migliore di entrambi i mondi. La squadra lavora in modo collaborativo su molti modelli fisici, ma usa anche Revit e Grasshopper e simili.
L’architetto ha detto che Grasshopper per lui è solo un mucchio di bei colori, ma questo è tutto, dal momento che non gli è mai stato insegnato come usarlo a scuola. Ha riconosciuto che nella scuola di architettura è richiesta più conoscenza ora che mai; fare uno schizzo è facile, ma bilanciare quello con 30 diversi tipi di software non è così facile. Ma gli studenti di architettura hanno ancora lo stesso numero limitato di ore rispetto a 30 anni fa, quindi il tempo dedicato all’apprendimento di nuove tecnologie ha un costo in qualche modo … forse dedichiamo meno tempo all’apprendimento della teoria e della storia e meno tempo a disegnare?

[…] Ha brevemente parlato di circa altri 8 progetti: il Centro Arti e Scienze Golinelli (gli spazi flessibili sono un compromesso tra le funzioni), Casa Della Musica (una struttura per un programma di musica liceale diventato un progetto “contagioso” che ha iniziato a influenzare l’estetica di edifici circostanti), MET Tirana Building (Tirana – una città in cui molte imprese italiane si trasferivano per motivi fiscali), Residenze e nuovi spazi collettivi per il centro storico di Peccioli (progetto di edilizia sociale e biblioteca, che potrebbe diventare un fattore per motivare le persone a rimanere nel piccolo villaggio ), Museo d’Arte Etrusca Fonazione Rovati di Milano (ispirato alle tombe etrusche e alla tecnica del vaso nero), e altro ancora.

In uno dei suoi progetti, ha dichiarato: “Come architetto in Italia, devi vivere a lungo” raccontando le vicissitudini del progetto ARPAE a Ferrara. Molti di noi hanno riso di quello. Il design era intrigante perché ispirato agli wind-catcher di Hyderabad, in Pakistan, un precedente che avevamo imparato nel primo anno. Il tetto del progetto ha 120 camini, progettati per essere costruiti molto rapidamente, e gli anemoni prendono il sole in inverno e riducono la luce solare diretta in estate a causa del suo angolo.

L’architetto ha anche presentato due progetti in Africa: uno in Ghana e uno in Algeria. Sull’Algeria, ha detto: “Pensavo che l’Italia fosse il peggior paese per la burocrazia, ma invece…”. L’Algeria è un grande paese per la riserva di petrolio e gas, ma il processo per trasferire le risorse a energia utilizzabile non è così facile. Negli ultimi 10 anni, hanno creato molti edifici danneggiati che hanno causato traffico e inquinamento: ad esempio, la raffineria è stata costruita sopravento della città, quindi l’inquinamento viene trasportato nel centro della città. Le persone non possono permettersi l’aria condizionata tutto il giorno, quindi gli edifici devono avere una ventilazione naturale. L‘architetto Cucinella è stato ispirato dalle opere in pietra del Nord Africa da pastori che rappresentavano un sentiero del sole, e il raffreddamento delle pietre calde che si sono riscaldate durante il giorno crea condensa, creando pozze d’acqua. Ha usato la ventilazione della catasta con un enorme atrio aperto nel mezzo della torre (cosa non facile in termini di sicurezza antincendio), che nel periodo estivo toglie il caldo. La facciata si apre come una gonna Marilyn Monroe per far posto all’entrata. Ho visto per la prima volta uno studio che ha reso un rendering del proprio edificio in circostanze sfavorevoli: la torre era stata attaccata dalle famose tempeste del Mediterraneo, con le palme che quasi cadevano dal vento forte.
L’edificio per uffici del Ghana è stato commissionato da una compagnia inglese, quindi ha confrontato il costo dell’energia in Ghana a Londra: è lo stesso dato che il petrolio è lo stesso prezzo quasi ovunque. Ma il costo della vita è diverso, quindi le persone non possono permettersi di pagare molto per l’elettricità. L’architetto Cucinella ha usato strategie semplici per ridurre al costo dell’energia, come avere pavimenti a sbalzo e avere il vetro a due o tre metri di distanza dal bordo dell’edificio per ridurre il guadagno solare, e usando lo stesso effetto di stack nell’atrio come il progetto Algeria.

L’architetto Cucinella ha anche lavorato con Betty Williams, Nobel per la pace (1976) che ha detto:  “ancora oggi 400.000 bambini muoiono ogni giorno, e più di 14 milioni lo fanno ogni anno. Queste sono le realtà in termini di vita.” Betty Williams ha creato un’associazione di madri cristiane, sia cattoliche che protestanti, che hanno perso il loro bambino, perché il dolore di perdere un figlio è lo stesso in qualsiasi setta o religione. Insieme alla Fondazione Città per la Pace ha dato vita al progetto Abitazione per la pace il cui scopo è di creare un rifugio sicuro, un modello di integrazione unico, dove le popolazioni locali e i rifugiati possano convivere insieme, dove i bambini possano ritrovare un’umanità perduta e la forza di ricostruire una esistenza, un futuro.
Cucinella ha detto che “Anche progettando cose semplici, devi ricordare dove sei“, quindi implementato la raccolta dell’acqua piovana, la ventilazione naturale e il raffreddamento a pavimento.

Alla fine della sua conferenza, l’architetto ci ha ricordato che l’Italia è una rete di città, a soli 20-30 minuti l’una dall’altra. E che al contrario di Manhattan, che se prendi la metropolitana per 20 minuti sei ancora a Manhattan o nelle migliori nel Queens, in Italia sei in una città completamente nuova, con la sua cultura e storia uniche e con tradizioni vernacolari. La stessa industria che sostiene l’economia italiana è un conglomerato di piccole imprese, non di grandi aziende come negli Stati Uniti. Secondo L’architetto, la rete di piccole energie e innovazione tra queste piccole aziende impedisce all’Italia di collassare.

Tra 25 anni, quando sarà il nostro turno di risolvere i problemi di sostenibilità, spero che possiamo ripensare a questa conferenza lasciandoci ispirare ancora una volta da Mario Cucinella.

Fonte

Condividi