Il futuro smart di Bisceglie, dai trasporti ad oasi urbana di tecnologia e socialità
07/05/2019
Nuovo Picchio: l’ultima pillola di bellezza del Workshop Ricostruzione
Nuovo Picchio: l’ultima pillola di bellezza del Workshop Ricostruzione
13/05/2019

TU Wien: riscoprire il valore sociale e ambientale dell’architettura

Riscoprire il valore sociale e ambientale dell’architettura. Questo è il titolo della lectio magistralis che Mario Cucinella terrà agli studenti del Politecnico di Vienna, (TU Wien), venerdì 17 maggio 2019 alle ore 17:00 presso il Dipartimento di Housing e Design.

Partendo dal racconto dei progetti più rappresentativi del suo lavoro, l’architetto accompagnerà i ragazzi attraverso un viaggio in cui parlerà dell’importanza del valore sociale e ambientale dell’architettura nonché del ruolo fondamentale che questa ha nella progettazione e creazione dei luoghi dell’educare. Nel maggio 2017, l’architetto Cucinella, durante il convegno “Fare Scuola tra ricostruzione e innovazione didattica”, ha detto «…progettare è voce del verbo amare. In particolare, progettare le scuole è ancora più importante, perché è un’azione di responsabilità: ricostruire i luoghi dell’istruzione per restituire ai nostri ragazzi la normalità è un’azione potente e progettare bene le scuole è essenziale».

L’architettura di qualità promuove valori importanti come la bellezza, il design, l’ecologia, la qualità ambientale, l’innovazione, la sostenibilità e contribuisce a dare valore al territorio creando una nuova empatia con il paesaggio «costruire è un atto di generosità nei confronti del territorio e nei confronti delle persone».

Questi sono gli stessi valori che Cucinella ha voluto raccontare all’interno del Padiglione Italia, durante la Biennale di Architettura 2018 con Arcipelago Italia, dando voce al mondo dell’architettura empatica, quella che si esprime in piccole azioni di miglioramento e di dialogo. Quello che è emerso dall’attuazione di una politica di ascolto ha permesso di riconoscere le motivazioni per cui l’architettura contemporanea sembra non essere più in grado di interpretare il territorio e i suoi abitanti e quindi farsi portavoce delle esigenze più attuali. Raccogliendo esempi di “progettualità architettoniche empatiche”, ovvero di forme architettoniche che si rivolgono al piccolo e che cercano di trovare un modo per risolvere i nervi scoperti dell’Italia, Mario Cucinella, nel 2018, ha trasformato il Padiglione Italia in un hub di proposte architettoniche concrete, caratterizzato dall’ambizione di trovare risposte per il futuro territoriale di un paese tanto eterogeneo quanto delicato.

L’obiettivo della Lectio sarà dunque offrire una serie di spunti per riflettere sul rapporto tra architettura e società nel rispetto del paesaggio e della natura.

Per informazioni Prof. Michael Obrist -obrist@wohnbau.tuwien.ac.at

Condividi