Maranello, inaugurato l'e-building Ferrari firmato MCA

Pubblicato
27.6.24
Lettura
2 min
3 min

L'edificio inaugurato alla presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella

È stato inaugurato il 21 giugno a Maranello, alla presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, l'e-building di Ferrari firmato da MCA - Mario Cucinella Architects e pensato per soddisfare le più innovative esigenze produttive della casa del Cavallino rampante.

Il nuovo edificio, per cui lo studio ha sviluppato le facciate esterne e i principali spazi interni, è un esempio di architettura industriale, sorge all'interno della nuova area nord di espansione dell'insediamento produttivo di Maranello (Modena).

©Duccio Malagamba

«Il progetto del nuovo e-building di Ferrari a Maranello delinea un'architettura industriale che sia anche vettore di riqualificazione di una parte consistente dell'area produttiva della città, grazie a strutture progettate per raggiungere i massimi livelli di prestazione energetica e tecnologica con un basso impatto ambientale, l'utilizzo di fonti rinnovabili e l'innesto di nuove aree verdi» ha dichiarato Mario Cucinella, fondatore e direttore di progetto di MCA . «Innovazione e design - prosegue - si intrecciano per valorizzare il progetto a tutte le scale, dall'edificio fino alle facciate, insieme all'identità dei luoghi in cui è inserito, in un territorio riconosciuto in tutto il mondo come eccellenza italiana del saper fare industriale e produttivo».

©Duccio Malagamba
©Duccio Malagamba
©Duccio Malagamba
©Duccio Malagamba

Il nuovo edificio destinato alla produzione di vetture con motore termico, ibrido e della futura Ferrari elettrica, è di forma parallelepipeda e di altezza complessiva di 25 metri, si sviluppa su due livelli principali e due piani ammezzati, per una superficie totale di 42.500 mq.

La facciata continua e luminosa è costituita da vetrate opaline intervallate da porzioni vetrate trasparenti, che garantiscono un'elevata diffusione interna della luce naturale e alto comfort visivo. Richiamando un'immagine riconoscibile in linea con i canoni estetici di Ferrari, inoltre, il rivestimento esterno traslucido permette di smaterializzare la massa imponente dell'edificio, che riflette di giorno il paesaggio circostante, mentre di notte si trasforma in lanterna luminosa.  

Per il concept della facciata MCA ha seguito le logiche del Design for manufacturing and assembly (Dfma) che facilita l'assemblaggio in sito dei componenti e le operazioni di manutenzione, creando efficienza e riducendo gli impatti ambientali legati ai materiali utiliz­zati e ai processi. Ciò ha permesso di ridurre gli impatti ambientali legati ai materiali utiliz­zati e ai processi, favorendo anche l'efficientamento nelle fasi successive alla costruzione e/o assemblaggio.

I processi alla base del concept proposto sono in linea con l'impegno di Ferrari nell'ottimizzazione della produzione con la finalità di ridurre le emissioni di gas climalteranti e di contenere il consumo di risorse.  

©Duccio Malagamba
©Duccio Malagamba
©Duccio Malagamba

L'attenzione per la riduzione dell'impatto ambientale ha guidato la progettazione non solo della facciata ma dell'intero edificio. Il complesso è stato progettato per raggiungere un livello di prestazione NZeb di classe A2, grazie all'uso di materiali riciclabili e certificati per le minime emissioni di sostanze nell'ambiente e agli oltre 3mila pannelli solari con una potenza massima complessiva di 1,3 MW installati sul tetto che ne garantiscono l'alimentazione.

L'involucro edilizio assicura, inoltre, elevate prestazioni termiche, tipiche dei più moderni edifici direzionali ma inusuali per un edificio produttivo. Una vasca di accumulo, infine, permette la raccolta delle acque piovane e il loro utilizzo nell'edificio.  

©Duccio Malagamba
©Duccio Malagamba
©Duccio Malagamba

All'interno dell'edificio, Ferrari ha pensato a degli spazi che massimizzino il benessere delle persone.

L'edificio, con linee di produzione disposte su due livelli principali così da dimezzare il consumo del suolo, si caratterizza, in particolare, per la presenza di postazioni di lavoro ergonomiche e aree relax, concepite dal team Ferrari con l'utilizzo di materiali e cromie che trasmettono una sensazione di benessere visivo.

Aree verdi si trovano sia all'interno sia all'esterno dello stabilimento, come l'ampio giardino pensile sul quale si affacciano le attività produttive e le circa 200 nuove alberature atte a mitigare l'isola di calore estiva. Inoltre, grazie a una specifica progettazione della viabilità, sono state ridotte le interferenze tra i percorsi pedonali e il traffico pesante.

CREDITI PROGETTO

Informazioni generali
Cliente: Ferrari S.p.A.
Luogo: Maranello (MO), Italia
Anno: 2024
Area di intervento: 42.500 mq  
Progetto Mario Cucinella Architects  

Team di progetto Mario Cucinella
Project manager: Michele Roveri
Design leader: Michele Olivieri
Project leader: Alessandro Gazzoni

Architects: Benedetta Mingardi, Maria Beccaria, Paolo Greco, Andrea Rossi, Lucrezia Rendace
R&D unit manager: Lori Zillante
Senior R&D specialist: Lorenzo Porcelli, Valentina Porceddu
Visual unit manager: Alessia Monacelli
Visual artist specialist: Walter Vecchio, Lorenzo Mancini, Gianlorenzo Petrini, Vincenzo Metafora  

Collaboratori
Progetto strutture: Planning Ingegneria
Progetto impianti e prevenzione Incendi: Pool Progetti, SY.TEC Srl, Planning Ingegneria
Visual: MCA Visual, Hido
Foto: Duccio Malagamba