Ricerca applicata, il Peace village vince il primo premio

Published
June 24, 2024
Reading
2 min
2 min

Il Peace Village, inaugurato a Brovary in Ucraina nel febbraio del 2023 per iniziativa del Mean e realizzato da dall’architetto Mario Cucinella con una forma che richiama il simbolo della pace, con il coinvolgimento di aziende italiane e università ha vinto il primo premio della Conferenza Nazionale Poliuretano Espanso rigido.

Durante la sesta Conferenza Nazionale Poliuretano Espanso rigido, la giuria ha assegnato il primo premio per i migliori progetti di ricerca applicata svolti da studenti o giovani ricercatori, al progetto “Sistemi incrementali con pannelli Sandwich in poliuretano” presentato da Grazia Marrone e Shuqi Li. Il progetto di ricerca applicata, presentato dalle due dottorande del gruppo di ricerca VELUXlab (Dipartimento ABC) del Politecnico di Milano, mostra il caso di studio del Peace Village, inaugurato a Brovary in Ucraina nel febbraio del 2023.

Il “Villaggio della Pace” è stato voluto dal Movimento Europeo Azione Nonviolenta (MEAN) con l’obiettivo di fornire un rifugio climatico replicabile nelle zone di guerra e confine per la popolazione ucraina che resiste all’assedio russo. Il Peace Village è stato disegnato dall’architetto Mario Cucinella con una forma che richiama il simbolo della pace, ed è stato realizzato grazie al contributo di aziende italiane e università. Tra le aziende che hanno sostenuto il progetto, si ricordano ScaffSystem per la fornitura della struttura in acciaio sagomato a freddo Mechano Advanced Steel frame e MANNI GROUP per la fonitura di pannelli sandwich Isopan. In questa operazione, la progettazione tecnologica dell’involucro è stata proposta dal gruppo di ricerca del VELUXlab.

In contesti emergenziali come quello ucraino, è necessario fornire soluzioni rapide ed energeticamente efficienti, tuttavia, è possibile immaginare proposte che considerino scenari di recupero e ricostruzione delle aree colpite. Le tecnologie utilizzate per la costruzione degli edifici sono un elemento importante del progetto: acciaio sagomato a freddo per la struttura portante e pannelli sandwich poliuretanici per l’isolamento termico. Queste due tecnologie, integrandosi, danno vita a un sistema sostenibile, che ottimizza l’utilizzo del materiale, garantisce ampia flessibilità architettonica, implementabilità tecnologico-prestazionale e smontabilità.

Grazie a queste caratteristiche, gli edifici del Peace Village sono stati già riposizionati rispetto alla loro prima collocazione e oggi hanno una nuova funzione come spazi dedicati all’educazione di bambini e adolescenti nel Parco Perhemoy di Brovary. Anche le stratigrafie costruttive e quindi le prestazioni potrebbero ora essere implementate.

Visto il successo dell’esperienza del Peace Village, le vincitrici hanno devoluto il premio, pari a 2000 euro, al Progetto MEAN, per continuare a supportare l’assistenza umanitaria in Ucraina.