Centro Arti e Scienze Fondazione Golinelli

Un luogo dove arte, scienza e tecnologia dialogano

Il contesto

Il nuovo padiglione si inserisce all’interno del lotto di proprietà Fondazione Golinelli, nella prima periferia della zona Ovest di Bologna, sommandosi ai due corpi di fabbrica esistenti e ricavati dalla riqualificazione dell’ex edificio industriale, avvenuta nel 2014.

Arte e scienza a supporto del processo di crescita

Il progetto del nuovo Centro Arti e Scienze Fondazione Golinelli nasce dalla volontà della Fondazione Golinelli di completare il complesso dell’Opificio, già fra i centri educativi e culturali più attrattivi del territorio metropolitano e regionale. Il nuovo Padiglione non si configura solo come luogo per ospitare mostre e incontri, ma rappresenta un’idea di futuro: un futuro nel quale l’educazione e la formazione all’arte e alla scienza sono elementi fondamentali per un processo di crescita.

Arte e scienza a supporto del processo di crescita

Il progetto del nuovo Centro Arti e Scienze Fondazione Golinelli nasce dalla volontà della Fondazione Golinelli di completare il complesso dell’Opificio, già fra i centri educativi e culturali più attrattivi del territorio metropolitano e regionale. Il nuovo Padiglione non si configura solo come luogo per ospitare mostre e incontri, ma rappresenta un’idea di futuro: un futuro nel quale l’educazione e la formazione all’arte e alla scienza sono elementi fondamentali per un processo di crescita.

Arte e scienza a supporto del processo di crescita

Il progetto del nuovo Centro Arti e Scienze Fondazione Golinelli nasce dalla volontà della Fondazione Golinelli di completare il complesso dell’Opificio, già fra i centri educativi e culturali più attrattivi del territorio metropolitano e regionale. Il nuovo Padiglione non si configura solo come luogo per ospitare mostre e incontri, ma rappresenta un’idea di futuro: un futuro nel quale l’educazione e la formazione all’arte e alla scienza sono elementi fondamentali per un processo di crescita.

Arte e scienza a supporto del processo di crescita

Il progetto del nuovo Centro Arti e Scienze Fondazione Golinelli nasce dalla volontà della Fondazione Golinelli di completare il complesso dell’Opificio, già fra i centri educativi e culturali più attrattivi del territorio metropolitano e regionale. Il nuovo Padiglione non si configura solo come luogo per ospitare mostre e incontri, ma rappresenta un’idea di futuro: un futuro nel quale l’educazione e la formazione all’arte e alla scienza sono elementi fondamentali per un processo di crescita.

Arte e scienza a supporto del processo di crescita

Arte e scienza a supporto del processo di crescita

No items found.
01 di 00

01 di 00

Arte e scienza a supporto del processo di crescita

Il progetto del nuovo Centro Arti e Scienze Fondazione Golinelli nasce dalla volontà della Fondazione Golinelli di completare il complesso dell’Opificio, già fra i centri educativi e culturali più attrattivi del territorio metropolitano e regionale. Il nuovo Padiglione non si configura solo come luogo per ospitare mostre e incontri, ma rappresenta un’idea di futuro: un futuro nel quale l’educazione e la formazione all’arte e alla scienza sono elementi fondamentali per un processo di crescita.

No items found.
01 di 00

01 di 00

Diagramma funzionale

Diagramma funzionale

Diagramma funzionale

Diagramma funzionale

Diagramma funzionale

Diagramma funzionale

No items found.
01 di 00

01 di 00

Diagramma funzionale

Diagramma funzionale

Diagramma funzionale

Diagramma funzionale

Diagramma funzionale

Diagramma funzionale

Diagramma funzionale

No items found.
01 di 00

01 di 00

Diagramma funzionale

Il “cuore” del complesso

L’edificio, di semplice concezione, è costituito da due elementi leggibili ed essenziali, separati ma in continuo dialogo fra loro.

Il primo elemento è il “cuore”, padiglione vero e proprio, volume chiuso che ospita le attività principali e si caratterizza come geometria pura semi-trasparente, riflettente l’intorno nelle ore diurne, luminoso nelle ore notturne. Il cuore espositivo è un parallelepipedo a pianta libera di dimensioni 30×20 metri, di altezza interna di 8 metri; un grande spazio di circa 700 metri quadrati privo di partizioni o rigide organizzazioni planimetriche, che consente la massima flessibilità. La pianta rettangolare libera è infatti la cornice nella quale prevedere le numerose attività che la Fondazione promuove: esposizioni, conferenze, mostre, concerti e proiezioni trovano qui un palcoscenico perfetto.

Ad accompagnare la flessibilità nell’utilizzo dello spazio, sono stati previsti sistemi tecnologici integrati all’architettura che permettono di regolare il controllo della luce, la correzione acustica e i sistemi impiantistici.

Il “cuore” del complesso

L’edificio, di semplice concezione, è costituito da due elementi leggibili ed essenziali, separati ma in continuo dialogo fra loro.

Il primo elemento è il “cuore”, padiglione vero e proprio, volume chiuso che ospita le attività principali e si caratterizza come geometria pura semi-trasparente, riflettente l’intorno nelle ore diurne, luminoso nelle ore notturne. Il cuore espositivo è un parallelepipedo a pianta libera di dimensioni 30×20 metri, di altezza interna di 8 metri; un grande spazio di circa 700 metri quadrati privo di partizioni o rigide organizzazioni planimetriche, che consente la massima flessibilità. La pianta rettangolare libera è infatti la cornice nella quale prevedere le numerose attività che la Fondazione promuove: esposizioni, conferenze, mostre, concerti e proiezioni trovano qui un palcoscenico perfetto.

Ad accompagnare la flessibilità nell’utilizzo dello spazio, sono stati previsti sistemi tecnologici integrati all’architettura che permettono di regolare il controllo della luce, la correzione acustica e i sistemi impiantistici.

Il “cuore” del complesso

L’edificio, di semplice concezione, è costituito da due elementi leggibili ed essenziali, separati ma in continuo dialogo fra loro.

Il primo elemento è il “cuore”, padiglione vero e proprio, volume chiuso che ospita le attività principali e si caratterizza come geometria pura semi-trasparente, riflettente l’intorno nelle ore diurne, luminoso nelle ore notturne. Il cuore espositivo è un parallelepipedo a pianta libera di dimensioni 30×20 metri, di altezza interna di 8 metri; un grande spazio di circa 700 metri quadrati privo di partizioni o rigide organizzazioni planimetriche, che consente la massima flessibilità. La pianta rettangolare libera è infatti la cornice nella quale prevedere le numerose attività che la Fondazione promuove: esposizioni, conferenze, mostre, concerti e proiezioni trovano qui un palcoscenico perfetto.

Ad accompagnare la flessibilità nell’utilizzo dello spazio, sono stati previsti sistemi tecnologici integrati all’architettura che permettono di regolare il controllo della luce, la correzione acustica e i sistemi impiantistici.

Il “cuore” del complesso

L’edificio, di semplice concezione, è costituito da due elementi leggibili ed essenziali, separati ma in continuo dialogo fra loro.

Il primo elemento è il “cuore”, padiglione vero e proprio, volume chiuso che ospita le attività principali e si caratterizza come geometria pura semi-trasparente, riflettente l’intorno nelle ore diurne, luminoso nelle ore notturne. Il cuore espositivo è un parallelepipedo a pianta libera di dimensioni 30×20 metri, di altezza interna di 8 metri; un grande spazio di circa 700 metri quadrati privo di partizioni o rigide organizzazioni planimetriche, che consente la massima flessibilità. La pianta rettangolare libera è infatti la cornice nella quale prevedere le numerose attività che la Fondazione promuove: esposizioni, conferenze, mostre, concerti e proiezioni trovano qui un palcoscenico perfetto.

Ad accompagnare la flessibilità nell’utilizzo dello spazio, sono stati previsti sistemi tecnologici integrati all’architettura che permettono di regolare il controllo della luce, la correzione acustica e i sistemi impiantistici.

Il “cuore” del complesso

Il “cuore” del complesso

No items found.
01 di 00

01 di 00

Il “cuore” del complesso

L’edificio, di semplice concezione, è costituito da due elementi leggibili ed essenziali, separati ma in continuo dialogo fra loro.

Il primo elemento è il “cuore”, padiglione vero e proprio, volume chiuso che ospita le attività principali e si caratterizza come geometria pura semi-trasparente, riflettente l’intorno nelle ore diurne, luminoso nelle ore notturne. Il cuore espositivo è un parallelepipedo a pianta libera di dimensioni 30×20 metri, di altezza interna di 8 metri; un grande spazio di circa 700 metri quadrati privo di partizioni o rigide organizzazioni planimetriche, che consente la massima flessibilità. La pianta rettangolare libera è infatti la cornice nella quale prevedere le numerose attività che la Fondazione promuove: esposizioni, conferenze, mostre, concerti e proiezioni trovano qui un palcoscenico perfetto.

Ad accompagnare la flessibilità nell’utilizzo dello spazio, sono stati previsti sistemi tecnologici integrati all’architettura che permettono di regolare il controllo della luce, la correzione acustica e i sistemi impiantistici.

Possibili configurazioni planimetriche

Possibili configurazioni planimetriche

Possibili configurazioni planimetriche

Possibili configurazioni planimetriche

Possibili configurazioni planimetriche

Possibili configurazioni planimetriche

No items found.
01 di 00

01 di 00

Possibili configurazioni planimetriche

Possibili configurazioni planimetriche

Possibili configurazioni planimetriche

Possibili configurazioni planimetriche

Possibili configurazioni planimetriche

Possibili configurazioni planimetriche

Possibili configurazioni planimetriche

Graphic design di MCA
Image alt text caption
Graphic design di MCA
Image alt text caption
Graphic design di MCA
Image alt text caption
No items found.
01 di 00

Mostre e esposizioni

01 di 00

Mostre e esposizioni

Possibili configurazioni planimetriche

La sovrastruttura metallica

L’altro elemento costitutivo è la sovrastruttura metallica modulare, un reticolo che avvolge il padiglione, si libera nello spazio e consente ai visitatori di percorrerla e di sostare su piccole terrazze panoramiche che guardano sulla città.

L’illuminazione esterna della struttura a reticolo prevede un’efficace illuminazione di scale, camminamenti e terrazzi utile alla sua fruizione durante i momenti in cui la struttura è aperta al pubblico, e di un sistema puntuale e suggestivo di lame di luce che fa apparire la leggerezza della struttura e smaterializzi i volumi in pochi tagli orizzontali e verticali.

Il materiale della facciata rende la luce l’elemento altamente caratterizzante del progetto, enfatizzandone la variazione durante la giornata e le stagioni; l’Illuminazione naturale, filtrando dalle pareti perimetrali, viene regolata dal sistema di tende presenti su tutti i fronti e ospitate all’interno dell’interasse dei pilastri lungo tutta la struttura metallica; l’illuminazione artificiale viene fornita tramite faretti a led movibili su guide lineari a soffitto.

La sovrastruttura metallica

L’altro elemento costitutivo è la sovrastruttura metallica modulare, un reticolo che avvolge il padiglione, si libera nello spazio e consente ai visitatori di percorrerla e di sostare su piccole terrazze panoramiche che guardano sulla città.

L’illuminazione esterna della struttura a reticolo prevede un’efficace illuminazione di scale, camminamenti e terrazzi utile alla sua fruizione durante i momenti in cui la struttura è aperta al pubblico, e di un sistema puntuale e suggestivo di lame di luce che fa apparire la leggerezza della struttura e smaterializzi i volumi in pochi tagli orizzontali e verticali.

Il materiale della facciata rende la luce l’elemento altamente caratterizzante del progetto, enfatizzandone la variazione durante la giornata e le stagioni; l’Illuminazione naturale, filtrando dalle pareti perimetrali, viene regolata dal sistema di tende presenti su tutti i fronti e ospitate all’interno dell’interasse dei pilastri lungo tutta la struttura metallica; l’illuminazione artificiale viene fornita tramite faretti a led movibili su guide lineari a soffitto.

La sovrastruttura metallica

L’altro elemento costitutivo è la sovrastruttura metallica modulare, un reticolo che avvolge il padiglione, si libera nello spazio e consente ai visitatori di percorrerla e di sostare su piccole terrazze panoramiche che guardano sulla città.

L’illuminazione esterna della struttura a reticolo prevede un’efficace illuminazione di scale, camminamenti e terrazzi utile alla sua fruizione durante i momenti in cui la struttura è aperta al pubblico, e di un sistema puntuale e suggestivo di lame di luce che fa apparire la leggerezza della struttura e smaterializzi i volumi in pochi tagli orizzontali e verticali.

Il materiale della facciata rende la luce l’elemento altamente caratterizzante del progetto, enfatizzandone la variazione durante la giornata e le stagioni; l’Illuminazione naturale, filtrando dalle pareti perimetrali, viene regolata dal sistema di tende presenti su tutti i fronti e ospitate all’interno dell’interasse dei pilastri lungo tutta la struttura metallica; l’illuminazione artificiale viene fornita tramite faretti a led movibili su guide lineari a soffitto.

La sovrastruttura metallica

L’altro elemento costitutivo è la sovrastruttura metallica modulare, un reticolo che avvolge il padiglione, si libera nello spazio e consente ai visitatori di percorrerla e di sostare su piccole terrazze panoramiche che guardano sulla città.

L’illuminazione esterna della struttura a reticolo prevede un’efficace illuminazione di scale, camminamenti e terrazzi utile alla sua fruizione durante i momenti in cui la struttura è aperta al pubblico, e di un sistema puntuale e suggestivo di lame di luce che fa apparire la leggerezza della struttura e smaterializzi i volumi in pochi tagli orizzontali e verticali.

Il materiale della facciata rende la luce l’elemento altamente caratterizzante del progetto, enfatizzandone la variazione durante la giornata e le stagioni; l’Illuminazione naturale, filtrando dalle pareti perimetrali, viene regolata dal sistema di tende presenti su tutti i fronti e ospitate all’interno dell’interasse dei pilastri lungo tutta la struttura metallica; l’illuminazione artificiale viene fornita tramite faretti a led movibili su guide lineari a soffitto.

La sovrastruttura metallica

La sovrastruttura metallica

No items found.
01 di 00

01 di 00

La sovrastruttura metallica

L’altro elemento costitutivo è la sovrastruttura metallica modulare, un reticolo che avvolge il padiglione, si libera nello spazio e consente ai visitatori di percorrerla e di sostare su piccole terrazze panoramiche che guardano sulla città.

L’illuminazione esterna della struttura a reticolo prevede un’efficace illuminazione di scale, camminamenti e terrazzi utile alla sua fruizione durante i momenti in cui la struttura è aperta al pubblico, e di un sistema puntuale e suggestivo di lame di luce che fa apparire la leggerezza della struttura e smaterializzi i volumi in pochi tagli orizzontali e verticali.

Il materiale della facciata rende la luce l’elemento altamente caratterizzante del progetto, enfatizzandone la variazione durante la giornata e le stagioni; l’Illuminazione naturale, filtrando dalle pareti perimetrali, viene regolata dal sistema di tende presenti su tutti i fronti e ospitate all’interno dell’interasse dei pilastri lungo tutta la struttura metallica; l’illuminazione artificiale viene fornita tramite faretti a led movibili su guide lineari a soffitto.

No items found.
01 di 00

01 di 00

No items found.
01 di 00

01 di 00

Cliente
Fondazione Golinelli
Luogo
Bologna, Italia
Anno
2017
Tipologia
Civico, Culturale
Categoria
Architettura
Area
700 mq
Stato
Completato

Progetto

Mario Cucinella Architects

Team di Progetto

Founder & President

Mario Cucinella

Mario Cucinella nasce a Palermo nel 1960, si laurea in Architettura all’Università di Genova nel 1986.

Nel 1992, a Parigi, fonda MCA – Mario Cucinella Architects, studio di architettura e design che oggi ha sede a Bologna e Milano e di cui è anche direttore creativo.

Nel 2015 Mario Cucinella fonda SOS – School of Sustainability, una scuola per giovani professionisti neolaureati che ha l’obiettivo di fornire loro gli strumenti necessari per affrontare le questioni ambientali con un approccio aperto, olistico e guidato dalla ricerca.

L’importanza del suo lavoro ed il continuo impegno, come architetto e educatore, su tematiche ambientali e sociali, sono stati riconosciuti con la International Fellowship del Royal Institute of British Architects (2016) e con la Honorary Fellowship dell’American Institute of Architects (2017).

Nel 2018 è stato curatore del Padiglione Italia alla 16ª Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia con la mostra “Arcipelago Italia”, mostra-progetto dedicata alle aree interne del Paese.

Mario Cucinella ha insegnato presso le università di Ferrara, Napoli, Monaco di Baviera, Nottingham.

E’ autore di molte pubblicazioni, tra le più recenti:
Building Green Futures (2020, edito da Forma) volume che indaga, attraverso una raccolta degli ultimi progetti e delle architetture più rappresentative dello studio Mario Cucinella Architects, le possibili risposte che l’architettura è in grado di fornire nei confronti delle sfide globali del presente e del prossimo futuro.
Architettura dell’educazione (2021, edito da Maggioli), un’analisi su come i luoghi più importanti della società civile si potranno evolvere grazie all’architettura e alle dinamiche che questa è in grado di generare, attraverso una narrazione a più voci alternata alle soluzioni progettuali sviluppate dallo studio Mario Cucinella Architects.
Il futuro è un viaggio nel passato. Dieci storie di architettura (2021, edito da Quodlibet) Mario Cucinella – con Valentina Torrente e Laura Zevi – racconta dieci viaggi nelle città e nei luoghi che gli hanno offerto spunti di riflessione su tematiche ambientali e sullo sfruttamento razionale delle energie disponibili.

Progetti in primo piano
,
MCA
,
,
Mario Cucinella
Mario Cucinella
Project Director

Enrico Iascone

Progetti in primo piano
Project Director
,
,
,
Enrico Iascone
Enrico Iascone
Project Director, Architect Coordinator

Cecilia Patrizi

Progetti in primo piano
Team Member
,
Project Leader
,
,
Project Director
Cecilia Patrizi
Cecilia Patrizi
Team Member

Giovanni Sanna

Progetti in primo piano
Team Member
,
Project Leader
,
,
Giovanni Sanna
Giovanni Sanna
Founder & President

Mario Cucinella

Mario Cucinella nasce a Palermo nel 1960, si laurea in Architettura all’Università di Genova nel 1986.

Nel 1992, a Parigi, fonda MCA – Mario Cucinella Architects, studio di architettura e design che oggi ha sede a Bologna e Milano e di cui è anche direttore creativo.

Nel 2015 Mario Cucinella fonda SOS – School of Sustainability, una scuola per giovani professionisti neolaureati che ha l’obiettivo di fornire loro gli strumenti necessari per affrontare le questioni ambientali con un approccio aperto, olistico e guidato dalla ricerca.

L’importanza del suo lavoro ed il continuo impegno, come architetto e educatore, su tematiche ambientali e sociali, sono stati riconosciuti con la International Fellowship del Royal Institute of British Architects (2016) e con la Honorary Fellowship dell’American Institute of Architects (2017).

Nel 2018 è stato curatore del Padiglione Italia alla 16ª Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia con la mostra “Arcipelago Italia”, mostra-progetto dedicata alle aree interne del Paese.

Mario Cucinella ha insegnato presso le università di Ferrara, Napoli, Monaco di Baviera, Nottingham.

E’ autore di molte pubblicazioni, tra le più recenti:
Building Green Futures (2020, edito da Forma) volume che indaga, attraverso una raccolta degli ultimi progetti e delle architetture più rappresentative dello studio Mario Cucinella Architects, le possibili risposte che l’architettura è in grado di fornire nei confronti delle sfide globali del presente e del prossimo futuro.
Architettura dell’educazione (2021, edito da Maggioli), un’analisi su come i luoghi più importanti della società civile si potranno evolvere grazie all’architettura e alle dinamiche che questa è in grado di generare, attraverso una narrazione a più voci alternata alle soluzioni progettuali sviluppate dallo studio Mario Cucinella Architects.
Il futuro è un viaggio nel passato. Dieci storie di architettura (2021, edito da Quodlibet) Mario Cucinella – con Valentina Torrente e Laura Zevi – racconta dieci viaggi nelle città e nei luoghi che gli hanno offerto spunti di riflessione su tematiche ambientali e sullo sfruttamento razionale delle energie disponibili.

Progetti in primo piano
,
MCA
,
,
Mario Cucinella
Mario Cucinella
Project Director

Enrico Iascone

Progetti in primo piano
Project Director
,
,
,
Enrico Iascone
Enrico Iascone
Project Director, Architect Coordinator

Cecilia Patrizi

Progetti in primo piano
Team Member
,
Project Leader
,
,
Project Director
Cecilia Patrizi
Cecilia Patrizi
Team Member

Giovanni Sanna

Progetti in primo piano
Team Member
,
Project Leader
,
,
Giovanni Sanna
Giovanni Sanna
Founder & President

Mario Cucinella

Mario Cucinella nasce a Palermo nel 1960, si laurea in Architettura all’Università di Genova nel 1986.

Nel 1992, a Parigi, fonda MCA – Mario Cucinella Architects, studio di architettura e design che oggi ha sede a Bologna e Milano e di cui è anche direttore creativo.

Nel 2015 Mario Cucinella fonda SOS – School of Sustainability, una scuola per giovani professionisti neolaureati che ha l’obiettivo di fornire loro gli strumenti necessari per affrontare le questioni ambientali con un approccio aperto, olistico e guidato dalla ricerca.

L’importanza del suo lavoro ed il continuo impegno, come architetto e educatore, su tematiche ambientali e sociali, sono stati riconosciuti con la International Fellowship del Royal Institute of British Architects (2016) e con la Honorary Fellowship dell’American Institute of Architects (2017).

Nel 2018 è stato curatore del Padiglione Italia alla 16ª Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia con la mostra “Arcipelago Italia”, mostra-progetto dedicata alle aree interne del Paese.

Mario Cucinella ha insegnato presso le università di Ferrara, Napoli, Monaco di Baviera, Nottingham.

E’ autore di molte pubblicazioni, tra le più recenti:
Building Green Futures (2020, edito da Forma) volume che indaga, attraverso una raccolta degli ultimi progetti e delle architetture più rappresentative dello studio Mario Cucinella Architects, le possibili risposte che l’architettura è in grado di fornire nei confronti delle sfide globali del presente e del prossimo futuro.
Architettura dell’educazione (2021, edito da Maggioli), un’analisi su come i luoghi più importanti della società civile si potranno evolvere grazie all’architettura e alle dinamiche che questa è in grado di generare, attraverso una narrazione a più voci alternata alle soluzioni progettuali sviluppate dallo studio Mario Cucinella Architects.
Il futuro è un viaggio nel passato. Dieci storie di architettura (2021, edito da Quodlibet) Mario Cucinella – con Valentina Torrente e Laura Zevi – racconta dieci viaggi nelle città e nei luoghi che gli hanno offerto spunti di riflessione su tematiche ambientali e sullo sfruttamento razionale delle energie disponibili.

Progetti in primo piano
,
MCA
,
,
Mario Cucinella
Mario Cucinella
Project Director

Enrico Iascone

Progetti in primo piano
Project Director
,
,
,
Enrico Iascone
Enrico Iascone
Project Director, Architect Coordinator

Cecilia Patrizi

Progetti in primo piano
Team Member
,
Project Leader
,
,
Project Director
Cecilia Patrizi
Cecilia Patrizi
Team Member

Giovanni Sanna

Progetti in primo piano
Team Member
,
Project Leader
,
,
Giovanni Sanna
Giovanni Sanna
Founder & President

Mario Cucinella

Mario Cucinella nasce a Palermo nel 1960, si laurea in Architettura all’Università di Genova nel 1986.

Nel 1992, a Parigi, fonda MCA – Mario Cucinella Architects, studio di architettura e design che oggi ha sede a Bologna e Milano e di cui è anche direttore creativo.

Nel 2015 Mario Cucinella fonda SOS – School of Sustainability, una scuola per giovani professionisti neolaureati che ha l’obiettivo di fornire loro gli strumenti necessari per affrontare le questioni ambientali con un approccio aperto, olistico e guidato dalla ricerca.

L’importanza del suo lavoro ed il continuo impegno, come architetto e educatore, su tematiche ambientali e sociali, sono stati riconosciuti con la International Fellowship del Royal Institute of British Architects (2016) e con la Honorary Fellowship dell’American Institute of Architects (2017).

Nel 2018 è stato curatore del Padiglione Italia alla 16ª Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia con la mostra “Arcipelago Italia”, mostra-progetto dedicata alle aree interne del Paese.

Mario Cucinella ha insegnato presso le università di Ferrara, Napoli, Monaco di Baviera, Nottingham.

E’ autore di molte pubblicazioni, tra le più recenti:
Building Green Futures (2020, edito da Forma) volume che indaga, attraverso una raccolta degli ultimi progetti e delle architetture più rappresentative dello studio Mario Cucinella Architects, le possibili risposte che l’architettura è in grado di fornire nei confronti delle sfide globali del presente e del prossimo futuro.
Architettura dell’educazione (2021, edito da Maggioli), un’analisi su come i luoghi più importanti della società civile si potranno evolvere grazie all’architettura e alle dinamiche che questa è in grado di generare, attraverso una narrazione a più voci alternata alle soluzioni progettuali sviluppate dallo studio Mario Cucinella Architects.
Il futuro è un viaggio nel passato. Dieci storie di architettura (2021, edito da Quodlibet) Mario Cucinella – con Valentina Torrente e Laura Zevi – racconta dieci viaggi nelle città e nei luoghi che gli hanno offerto spunti di riflessione su tematiche ambientali e sullo sfruttamento razionale delle energie disponibili.

Progetti in primo piano
,
MCA
,
,
Mario Cucinella
Mario Cucinella
Project Director

Enrico Iascone

Progetti in primo piano
Project Director
,
,
,
Enrico Iascone
Enrico Iascone
Project Director, Architect Coordinator

Cecilia Patrizi

Progetti in primo piano
Team Member
,
Project Leader
,
,
Project Director
Cecilia Patrizi
Cecilia Patrizi
Team Member

Giovanni Sanna

Progetti in primo piano
Team Member
,
Project Leader
,
,
Giovanni Sanna
Giovanni Sanna
Founder & President

Mario Cucinella

Mario Cucinella nasce a Palermo nel 1960, si laurea in Architettura all’Università di Genova nel 1986.

Nel 1992, a Parigi, fonda MCA – Mario Cucinella Architects, studio di architettura e design che oggi ha sede a Bologna e Milano e di cui è anche direttore creativo.

Nel 2015 Mario Cucinella fonda SOS – School of Sustainability, una scuola per giovani professionisti neolaureati che ha l’obiettivo di fornire loro gli strumenti necessari per affrontare le questioni ambientali con un approccio aperto, olistico e guidato dalla ricerca.

L’importanza del suo lavoro ed il continuo impegno, come architetto e educatore, su tematiche ambientali e sociali, sono stati riconosciuti con la International Fellowship del Royal Institute of British Architects (2016) e con la Honorary Fellowship dell’American Institute of Architects (2017).

Nel 2018 è stato curatore del Padiglione Italia alla 16ª Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia con la mostra “Arcipelago Italia”, mostra-progetto dedicata alle aree interne del Paese.

Mario Cucinella ha insegnato presso le università di Ferrara, Napoli, Monaco di Baviera, Nottingham.

E’ autore di molte pubblicazioni, tra le più recenti:
Building Green Futures (2020, edito da Forma) volume che indaga, attraverso una raccolta degli ultimi progetti e delle architetture più rappresentative dello studio Mario Cucinella Architects, le possibili risposte che l’architettura è in grado di fornire nei confronti delle sfide globali del presente e del prossimo futuro.
Architettura dell’educazione (2021, edito da Maggioli), un’analisi su come i luoghi più importanti della società civile si potranno evolvere grazie all’architettura e alle dinamiche che questa è in grado di generare, attraverso una narrazione a più voci alternata alle soluzioni progettuali sviluppate dallo studio Mario Cucinella Architects.
Il futuro è un viaggio nel passato. Dieci storie di architettura (2021, edito da Quodlibet) Mario Cucinella – con Valentina Torrente e Laura Zevi – racconta dieci viaggi nelle città e nei luoghi che gli hanno offerto spunti di riflessione su tematiche ambientali e sullo sfruttamento razionale delle energie disponibili.

Progetti in primo piano
,
MCA
,
,
Mario Cucinella
Mario Cucinella
Project Director

Enrico Iascone

Progetti in primo piano
Project Director
,
,
,
Enrico Iascone
Enrico Iascone
Project Director, Architect Coordinator

Cecilia Patrizi

Progetti in primo piano
Team Member
,
Project Leader
,
,
Project Director
Cecilia Patrizi
Cecilia Patrizi
Team Member

Giovanni Sanna

Progetti in primo piano
Team Member
,
Project Leader
,
,
Giovanni Sanna
Giovanni Sanna
Founder & President

Mario Cucinella

Mario Cucinella nasce a Palermo nel 1960, si laurea in Architettura all’Università di Genova nel 1986.

Nel 1992, a Parigi, fonda MCA – Mario Cucinella Architects, studio di architettura e design che oggi ha sede a Bologna e Milano e di cui è anche direttore creativo.

Nel 2015 Mario Cucinella fonda SOS – School of Sustainability, una scuola per giovani professionisti neolaureati che ha l’obiettivo di fornire loro gli strumenti necessari per affrontare le questioni ambientali con un approccio aperto, olistico e guidato dalla ricerca.

L’importanza del suo lavoro ed il continuo impegno, come architetto e educatore, su tematiche ambientali e sociali, sono stati riconosciuti con la International Fellowship del Royal Institute of British Architects (2016) e con la Honorary Fellowship dell’American Institute of Architects (2017).

Nel 2018 è stato curatore del Padiglione Italia alla 16ª Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia con la mostra “Arcipelago Italia”, mostra-progetto dedicata alle aree interne del Paese.

Mario Cucinella ha insegnato presso le università di Ferrara, Napoli, Monaco di Baviera, Nottingham.

E’ autore di molte pubblicazioni, tra le più recenti:
Building Green Futures (2020, edito da Forma) volume che indaga, attraverso una raccolta degli ultimi progetti e delle architetture più rappresentative dello studio Mario Cucinella Architects, le possibili risposte che l’architettura è in grado di fornire nei confronti delle sfide globali del presente e del prossimo futuro.
Architettura dell’educazione (2021, edito da Maggioli), un’analisi su come i luoghi più importanti della società civile si potranno evolvere grazie all’architettura e alle dinamiche che questa è in grado di generare, attraverso una narrazione a più voci alternata alle soluzioni progettuali sviluppate dallo studio Mario Cucinella Architects.
Il futuro è un viaggio nel passato. Dieci storie di architettura (2021, edito da Quodlibet) Mario Cucinella – con Valentina Torrente e Laura Zevi – racconta dieci viaggi nelle città e nei luoghi che gli hanno offerto spunti di riflessione su tematiche ambientali e sullo sfruttamento razionale delle energie disponibili.

Progetti in primo piano
,
MCA
,
,
Mario Cucinella
Mario Cucinella
Project Director

Enrico Iascone

Progetti in primo piano
Project Director
,
,
,
Enrico Iascone
Enrico Iascone
Project Director, Architect Coordinator

Cecilia Patrizi

Progetti in primo piano
Team Member
,
Project Leader
,
,
Project Director
Cecilia Patrizi
Cecilia Patrizi
Team Member

Giovanni Sanna

Progetti in primo piano
Team Member
,
Project Leader
,
,
Giovanni Sanna
Giovanni Sanna
Founder & President

Mario Cucinella

Mario Cucinella nasce a Palermo nel 1960, si laurea in Architettura all’Università di Genova nel 1986.

Nel 1992, a Parigi, fonda MCA – Mario Cucinella Architects, studio di architettura e design che oggi ha sede a Bologna e Milano e di cui è anche direttore creativo.

Nel 2015 Mario Cucinella fonda SOS – School of Sustainability, una scuola per giovani professionisti neolaureati che ha l’obiettivo di fornire loro gli strumenti necessari per affrontare le questioni ambientali con un approccio aperto, olistico e guidato dalla ricerca.

L’importanza del suo lavoro ed il continuo impegno, come architetto e educatore, su tematiche ambientali e sociali, sono stati riconosciuti con la International Fellowship del Royal Institute of British Architects (2016) e con la Honorary Fellowship dell’American Institute of Architects (2017).

Nel 2018 è stato curatore del Padiglione Italia alla 16ª Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia con la mostra “Arcipelago Italia”, mostra-progetto dedicata alle aree interne del Paese.

Mario Cucinella ha insegnato presso le università di Ferrara, Napoli, Monaco di Baviera, Nottingham.

E’ autore di molte pubblicazioni, tra le più recenti:
Building Green Futures (2020, edito da Forma) volume che indaga, attraverso una raccolta degli ultimi progetti e delle architetture più rappresentative dello studio Mario Cucinella Architects, le possibili risposte che l’architettura è in grado di fornire nei confronti delle sfide globali del presente e del prossimo futuro.
Architettura dell’educazione (2021, edito da Maggioli), un’analisi su come i luoghi più importanti della società civile si potranno evolvere grazie all’architettura e alle dinamiche che questa è in grado di generare, attraverso una narrazione a più voci alternata alle soluzioni progettuali sviluppate dallo studio Mario Cucinella Architects.
Il futuro è un viaggio nel passato. Dieci storie di architettura (2021, edito da Quodlibet) Mario Cucinella – con Valentina Torrente e Laura Zevi – racconta dieci viaggi nelle città e nei luoghi che gli hanno offerto spunti di riflessione su tematiche ambientali e sullo sfruttamento razionale delle energie disponibili.

Progetti in primo piano
,
MCA
,
,
Mario Cucinella
Mario Cucinella
Project Director

Enrico Iascone

Progetti in primo piano
Project Director
,
,
,
Enrico Iascone
Enrico Iascone
Project Director, Architect Coordinator

Cecilia Patrizi

Progetti in primo piano
Team Member
,
Project Leader
,
,
Project Director
Cecilia Patrizi
Cecilia Patrizi
Team Member

Giovanni Sanna

Progetti in primo piano
Team Member
,
Project Leader
,
,
Giovanni Sanna
Giovanni Sanna
Founder & President

Mario Cucinella

Mario Cucinella nasce a Palermo nel 1960, si laurea in Architettura all’Università di Genova nel 1986.

Nel 1992, a Parigi, fonda MCA – Mario Cucinella Architects, studio di architettura e design che oggi ha sede a Bologna e Milano e di cui è anche direttore creativo.

Nel 2015 Mario Cucinella fonda SOS – School of Sustainability, una scuola per giovani professionisti neolaureati che ha l’obiettivo di fornire loro gli strumenti necessari per affrontare le questioni ambientali con un approccio aperto, olistico e guidato dalla ricerca.

L’importanza del suo lavoro ed il continuo impegno, come architetto e educatore, su tematiche ambientali e sociali, sono stati riconosciuti con la International Fellowship del Royal Institute of British Architects (2016) e con la Honorary Fellowship dell’American Institute of Architects (2017).

Nel 2018 è stato curatore del Padiglione Italia alla 16ª Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia con la mostra “Arcipelago Italia”, mostra-progetto dedicata alle aree interne del Paese.

Mario Cucinella ha insegnato presso le università di Ferrara, Napoli, Monaco di Baviera, Nottingham.

E’ autore di molte pubblicazioni, tra le più recenti:
Building Green Futures (2020, edito da Forma) volume che indaga, attraverso una raccolta degli ultimi progetti e delle architetture più rappresentative dello studio Mario Cucinella Architects, le possibili risposte che l’architettura è in grado di fornire nei confronti delle sfide globali del presente e del prossimo futuro.
Architettura dell’educazione (2021, edito da Maggioli), un’analisi su come i luoghi più importanti della società civile si potranno evolvere grazie all’architettura e alle dinamiche che questa è in grado di generare, attraverso una narrazione a più voci alternata alle soluzioni progettuali sviluppate dallo studio Mario Cucinella Architects.
Il futuro è un viaggio nel passato. Dieci storie di architettura (2021, edito da Quodlibet) Mario Cucinella – con Valentina Torrente e Laura Zevi – racconta dieci viaggi nelle città e nei luoghi che gli hanno offerto spunti di riflessione su tematiche ambientali e sullo sfruttamento razionale delle energie disponibili.

Progetti in primo piano
,
MCA
,
,
Mario Cucinella
Mario Cucinella
Project Director

Enrico Iascone

Progetti in primo piano
Project Director
,
,
,
Enrico Iascone
Enrico Iascone
Project Director, Architect Coordinator

Cecilia Patrizi

Progetti in primo piano
Team Member
,
Project Leader
,
,
Project Director
Cecilia Patrizi
Cecilia Patrizi
Team Member

Giovanni Sanna

Progetti in primo piano
Team Member
,
Project Leader
,
,
Giovanni Sanna
Giovanni Sanna
Founder & President

Mario Cucinella

Mario Cucinella nasce a Palermo nel 1960, si laurea in Architettura all’Università di Genova nel 1986.

Nel 1992, a Parigi, fonda MCA – Mario Cucinella Architects, studio di architettura e design che oggi ha sede a Bologna e Milano e di cui è anche direttore creativo.

Nel 2015 Mario Cucinella fonda SOS – School of Sustainability, una scuola per giovani professionisti neolaureati che ha l’obiettivo di fornire loro gli strumenti necessari per affrontare le questioni ambientali con un approccio aperto, olistico e guidato dalla ricerca.

L’importanza del suo lavoro ed il continuo impegno, come architetto e educatore, su tematiche ambientali e sociali, sono stati riconosciuti con la International Fellowship del Royal Institute of British Architects (2016) e con la Honorary Fellowship dell’American Institute of Architects (2017).

Nel 2018 è stato curatore del Padiglione Italia alla 16ª Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia con la mostra “Arcipelago Italia”, mostra-progetto dedicata alle aree interne del Paese.

Mario Cucinella ha insegnato presso le università di Ferrara, Napoli, Monaco di Baviera, Nottingham.

E’ autore di molte pubblicazioni, tra le più recenti:
Building Green Futures (2020, edito da Forma) volume che indaga, attraverso una raccolta degli ultimi progetti e delle architetture più rappresentative dello studio Mario Cucinella Architects, le possibili risposte che l’architettura è in grado di fornire nei confronti delle sfide globali del presente e del prossimo futuro.
Architettura dell’educazione (2021, edito da Maggioli), un’analisi su come i luoghi più importanti della società civile si potranno evolvere grazie all’architettura e alle dinamiche che questa è in grado di generare, attraverso una narrazione a più voci alternata alle soluzioni progettuali sviluppate dallo studio Mario Cucinella Architects.
Il futuro è un viaggio nel passato. Dieci storie di architettura (2021, edito da Quodlibet) Mario Cucinella – con Valentina Torrente e Laura Zevi – racconta dieci viaggi nelle città e nei luoghi che gli hanno offerto spunti di riflessione su tematiche ambientali e sullo sfruttamento razionale delle energie disponibili.

Progetti in primo piano
,
MCA
,
,
Mario Cucinella
Mario Cucinella
Project Director

Enrico Iascone

Progetti in primo piano
Project Director
,
,
,
Enrico Iascone
Enrico Iascone
Project Director, Architect Coordinator

Cecilia Patrizi

Progetti in primo piano
Team Member
,
Project Leader
,
,
Project Director
Cecilia Patrizi
Cecilia Patrizi
Team Member

Giovanni Sanna

Progetti in primo piano
Team Member
,
Project Leader
,
,
Giovanni Sanna
Giovanni Sanna
Structural STEP Engineering
Ballardini Studio di Ingegneria
Impianti
STEP Engineering
Consulenti prevenzione incendi
IDF – Ingegneria del fuoco s.r.l.
Impresa Costruttrice
N.B.I. S.p.a. (Gruppo Astaldi)
Costruttore metallico
M.B.M. spa
Landscape Design
Greencure landscape & healing garden
Visual
Engram Studio
Foto
Moreno Maggi, OKNOstudio
Structural STEP Engineering
Ballardini Studio di Ingegneria
Impianti
STEP Engineering
Consulenti prevenzione incendi
IDF – Ingegneria del fuoco s.r.l.
Impresa Costruttrice
N.B.I. S.p.a. (Gruppo Astaldi)
Costruttore metallico
M.B.M. spa
Landscape Design
Greencure landscape & healing garden
Visual
Engram Studio
Foto
Moreno Maggi, OKNOstudio
Structural STEP Engineering
Ballardini Studio di Ingegneria
Impianti
STEP Engineering
Consulenti prevenzione incendi
IDF – Ingegneria del fuoco s.r.l.
Impresa Costruttrice
N.B.I. S.p.a. (Gruppo Astaldi)
Costruttore metallico
M.B.M. spa
Landscape Design
Greencure landscape & healing garden
Visual
Engram Studio
Foto
Moreno Maggi, OKNOstudio
Structural STEP Engineering
Ballardini Studio di Ingegneria
Impianti
STEP Engineering
Consulenti prevenzione incendi
IDF – Ingegneria del fuoco s.r.l.
Impresa Costruttrice
N.B.I. S.p.a. (Gruppo Astaldi)
Costruttore metallico
M.B.M. spa
Landscape Design
Greencure landscape & healing garden
Visual
Engram Studio
Foto
Moreno Maggi, OKNOstudio
No items found.
This is some text inside of a div block.
This is some text inside of a div block.
This is some text inside of a div block.
This is some text inside of a div block.
This is some text inside of a div block.
This is some text inside of a div block.
This is some text inside of a div block.
This is some text inside of a div block.
This is some text inside of a div block.
This is some text inside of a div block.