Tessile

Artigiani del tessile

Mariantonia Urru
Mariantonia Urru srl è un'azienda storica e un riferimento per l'artigianato sardo. L'azienda prende il nome dalla tessitrice che l'ha fondata nel 1981. Da allora è cresciuta e si è ampliata, diventando un nome affermato nel settore dell'artigianato tessile. Per Mariantonia Urru la tessitura ha molti significati, ma rappresenta soprattutto un legame tra passato e presente, tra innovazione e tradizione. Significa guardare al futuro rimanendo ancorati alla qualità e all'artigianalità del passato, conservando e allo stesso tempo innovando un patrimonio tecnico e culturale di inestimabile valore. Mariantonia Urru collabora con designer internazionali, supportandoli nello sviluppo di soluzioni tecniche inesplorate.

Collezione Flora

©Mariantonia Urru

Il tappeto Flora trae ispirazione dall’edificio ARPAE – Agenzia Regionale per la Prevenzione, l’Ambiente e l’Energia – un complesso edilizio realizzato da MCA a Ferrara che risponde ai più alti standard architettonici e ambientali. La tecnica utilizzata da Mariantonia Urru è definita a “pibiones”, realizzata mediante l’impiego di ferri attorno ai quali la grossa trama di lana viene avvolta a creare un ricciolo molto compatto, che ricorda un piccolo acino d’uva, che in sardo è detto appunto, “pibione”.

Collezione Building Objects
Materiale Lana e seta
Ispirazione ARPAE – Agenzia Regionale per la Prevenzione, l’Ambiente e l’Energia – Ferrara
Produzione Mariantonia Urru
Anno 2019
Foto Mariantonia Urru, Moreno Maggi, MCA
Team Mario Cucinella, Antonella Di Luca, Bianca Gabrie...

Il tappeto Flora trae ispirazione dall’edificio ARPAE – Agenzia Regionale per la Prevenzione, l’Ambiente e l’Energia – un complesso edilizio realizzato da MCA a Ferrara che risponde ai più alti standard architettonici e ambientali. La tecnica utilizzata da Mariantonia Urru è definita a “pibiones”, realizzata mediante l’impiego di ferri attorno ai quali la grossa trama di lana viene avvolta a creare un ricciolo molto compatto, che ricorda un piccolo acino d’uva, che in sardo è detto appunto, “pibione”.

Collezione Building Objects
Materiale Lana e seta
Ispirazione ARPAE – Agenzia Regionale per la Prevenzione, l’Ambiente e l’Energia – Ferrara
Produzione Mariantonia Urru
Anno 2019
Foto Mariantonia Urru, Moreno Maggi, MCA
Team Mario Cucinella, Antonella Di Luca, Bianca Gabrielli

  • Ispirazione: ARPAE – Agenzia Regionale per la Prevenzione, l’Ambiente e l’Energia, Ferrara – @Moreno Maggi

  • ©Mariantonia Urru

  • ©MCA

    ©MCA

  • ©Mariantornia Urru

01 di 04

Prev / Next

  • Ispirazione: ARPAE – Agenzia Regionale per la Prevenzione, l’Ambiente e l’Energia, Ferrara – ©Moreno Maggi

  • ©Giovanni De Sandre

  • ©Mariantonia Urru

  • ©Mariantonia Urru

  • ©Giovanni De Sandre

01 di 05

Prev / Next

Collezione Ortigu

©Mariantonia Urru

La collezione Ortigu trae ispirazione dalla corteccia del sughero, una pianta caratteristica della macchia mediterranea che caratterizza il paesaggio di tutta la Sardegna settentrionale e di diverse aree boschive dell’isola. Il nome Ortigu significa sughero in sardo. Le texture nascono dall’osservazione dei disegni naturali visibili su questi esemplari, riprodotti su tappeti e cuscini. La tecnica utilizzata da Mariantonia Urru è definita a “pibiones”, realizzata mediante l’impiego di ferri attorno ai quali la grossa trama di lana viene avvolta a creare un ricciolo molto compatto, che ricorda un piccolo acino d’uva, che in sardo è detto appunto, “pibione”.

Materiale Lana
Ispirazione Corteccia di sughero
Produzione Mariantonia Urru
Anno 2022
Foto Mariantonia Urru, Giovanni De Sandre
Team Mario Cucinella, Antonella Di Luca, Bianca Gabrie...

La collezione Ortigu trae ispirazione dalla corteccia del sughero, una pianta caratteristica della macchia mediterranea che caratterizza il paesaggio di tutta la Sardegna settentrionale e di diverse aree boschive dell’isola. Il nome Ortigu significa sughero in sardo. Le texture nascono dall’osservazione dei disegni naturali visibili su questi esemplari, riprodotti su tappeti e cuscini. La tecnica utilizzata da Mariantonia Urru è definita a “pibiones”, realizzata mediante l’impiego di ferri attorno ai quali la grossa trama di lana viene avvolta a creare un ricciolo molto compatto, che ricorda un piccolo acino d’uva, che in sardo è detto appunto, “pibione”.

Materiale Lana
Ispirazione Corteccia di sughero
Produzione Mariantonia Urru
Anno 2022
Foto Mariantonia Urru, Giovanni De Sandre
Team Mario Cucinella, Antonella Di Luca, Bianca Gabrielli

  • Ispirazione: corteccia di sughero

  • ©Mariantonia Urru

  • ©Mariantonia Urru

  • ©Mariantonia Urru

  • ©Mariantornia Urru

  • ©Mariantornia Urru

01 di 06

Prev / Next

  • ©Mariantonia Urru

  • ©Mariantonia Urru

  • ©Mariantonia Urru

  • ©Mariantonia Urru

01 di 04

Prev / Next

  • Ispirazione: corteccia di sughero

  • ©Mariantonia Urru

  • ©Giovanni De Sandre

  • ©Giovanni De Sandre

  • ©Mariantonia Urru

01 di 05

Prev / Next

Collezione Scivu

©Mariantonia Urru

La collezione Scivu prende spunto dall’omonima spiaggia. Si trova nel sud della Sardegna. Qui il vento crea dei disegni ondulati sulla distesa di sabbia che hanno ispirato questa collezione. I tappeti e i cuscini Scivu vogliono ricreare questo disegno naturale e dare l’effetto tridimensionale delle dune. La tecnica utilizzata da Mariantonia Urru è definita a “pibiones”, realizzata mediante l’impiego di ferri attorno ai quali la grossa trama di lana viene avvolta a creare un ricciolo molto compatto, che ricorda un piccolo acino d’uva, che in sardo è detto appunto, “pibione”.

Materiale Lana
Ispirazione Spiaggia di Scivu
Produzione Mariantonia Urru
Anno 2022
Foto Mariantonia Urru, Giovanni De Sandre
Team Mario Cucinella, Antonella Di Luca, Bianca Gabrielli

  • Ispirazione: spiaggia Scivu

  • ©Giovanni De Sandre

  • ©Mariantonia Urru

  • ©Mariantonia Urru

  • ©Mariantonia Urru

01 di 05

Prev / Next

  • ©Mariantonia Urru

  • ©Mariantonia Urru

  • ©Mariantonia Urru

  • ©Giovanni De Sandre

  • ©Mariantonia Urru

01 di 05

Prev / Next

Collezione Is Arutas

©Giovanni De Sandre

La collezione di cuscini Is Arutas si ispira all’omonima spiaggia. È conosciuta come la “spiaggia dei chicchi di riso” per la forma e la consistenza della sabbia. Mariantonia Urru ha realizzato questi cuscini con la tecnica del pibiones, che consiste nel torcere un filo spesso intorno agli aghi del telaio per creare l’effetto rialzato dei chicchi che ricorda la forma dell’uva (pibiones in sardo). La loro forma arrotondata trasmette l’idea e l’immagine di questa distesa di gioielli naturali.

Materiale Lana
Ispirazione Spiaggia Is Arutas
Produzione Mariantonia Urru
Anno 2022
Foto Mariantonia Urru, Giovanni De Sandre
Team Mario Cucinella, Antonella Di Luca, Bianca Gabrielli

  • ©Mariantonia Urru

  • ©Mariantonia Urru

  • ©Giovanni De Sandre

  • ©Giovanni De Sandre

  • ©Giovanni De Sandre

01 di 05

Prev / Next

Copyright 2022 MCA.